Nuove targhe dei ciclomotori

//   28 luglio 2011   // 0 Commenti

Ultimi giorni utili per restituire le targhe a cinque caratteri degli scooter e sostituirli con le nuove targhe a sei caratteri. L’invito che la Polizia Municipale rivolge ai possessori di ciclomotori che montano la targa con primo numero 3, 4 o 5, è di rinnovare i documenti identificativi di questi mezzi, previsti dalle modifiche del codice stradale, entro domenica 31 luglio, data oltre la quale gli scooter immatricolati prima del 2006 con targa di vecchio formato (quella esagonale a cinque caratteri) avranno il divieto di circolare liberamente per le strade. A quanti si recheranno in Motorizzazione per aggiornare i dati di immatricolazione del mezzo di trasporto, verrà rilasciato, oltre alla nuova targa, anche il certificato di circolazione nominativo, associato ad uno specifico ciclomotore. La differenza consiste nel fatto che, secondo la normativa precedentemente vigente, gli scooter erano registrati mediante certificato di idoneità tecnica, senza i dati del proprietario. Obiettivo della modifica è quindi di facilitare l’identificazione del responsabile della circolazione, legando il veicolo ad una persona fisica.

Dal luglio 2006 infatti tutti i ciclomotori di nuova immatricolazione devono possedere la targa quadrata e il nuovo libretto nominativo. Per quelli già in circolazione la sostituzione è invece graduale e deve concludersi il 12 febbraio 2012. La prossima scadenza è prevista per il 29 settembre, per le targhe con primo numero 6, 7 e 8. Al 12 febbraio 2012 i rimanenti (numero 9 e lettera A). Sempre alla Motorizzazione il proprietario dovrà comunicare la vendita di un ciclomotore e il nominativo del nuovo proprietario. In caso di smarrimento, distruzione o furto della targa e/o del certificato di circolazione, il proprietario deve presentare denuncia entro 48 ore agli organi di polizia e, entro i successivi tre giorni, chiedere il duplicato alla Motorizzazione.

Ovviamente non è consentito circolare con targhe “fai da te”, che riportino i dati della vecchia targa smarrita o con targhe di altri ciclomotori. C’è da essere adempienti perché, a seconda dei singoli aspetti, le sanzioni previste sono piuttosto salate: variano da 72 a quasi 7.000 euro, con confisca del mezzo se il veicolo non ha la nuova targa.Nuove targhe2


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *