Notturni d’ARTE 2011 – Angeli dall’antichità al contemporaneo

//   18 luglio 2011   // 0 Commenti

Notturni dArte 2011 immagine 725x1024La 25° edizione dei Notturni d’Arte, presentata alla Basilica del Santo, porta nel titolo “Angeli dall’antichità al contemporaneo” e nel suo far parte del più ampio insieme promosso dall’Assessorato alla Cultura di Padova “Estate Carrarese”, come sempre con il supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, i temi della manifestazione.  Alla base vi sono le diverse rappresentazioni/interpretazioni degli Angeli nei secoli e l’epoca d’oro di Padova sotto la Signoria Carrarese, con un pittore come il Guariento per il quale dipingere gli Angeli fu punto centrale ed espressione tra le più alte delle sue capacità pittoriche. L’arte in generale sarà al centro del programma dei Notturni progettati e curati da Mirella Cisotto Nalon, che si svilupperanno dal 28 luglio al 31 agosto; con serate per la maggior parte che inizieranno alle ore 21 dal martedì al sabato. Per il loro essere una novità assoluta si segnalano due visite. La prima del m 6 agosto alla Caserma Piave, che quali ultime tracce della Chiesa di Sant’Agostino ivi posta, demolita nel XIX° secolo contiene la rappresentazione di due angeli opera del Guariento praticamente sconosciuta alla maggior parte dei padovani, la seconda,  il 30 agosto al Gabinetto di lettura di Piazza Insurrezione ora associazione culturale ma ex sede dell’Hospitium Angeli con la sua ricchissima dote di volumi e documenti di epoca risorgimentale. In termini di date si inizierà invece dalla visita guidata alla mostra “Guariento e la Padova Carrarese” ai Musei Civici e Palazzo Zuckerman; per proseguire con la visita al Museo Diocesano che ospita la parte di esposizione dedicata alla musica trecentesca. Varie visite porteranno in luoghi padovani che contengono  immagini di angeli dipinte, scolpite, miniate, antiche e moderne, quindi dalla immagini pagane, che richiamano gli angeli cristiani, alle loro diverse rappresentazioni cristiane e fino alle analoghe figure che in altre tradizioni e culture ne riprendono i caratteri. Perciò si passerà dal Museo Archeologico, alle medioevali raffigurazioni di pianeti, angeli e demoni ad es. del Salone, agli angeli di Giotto nella Cappella degli Scrovegni, a quelli raffigurati da Giusto De Menabuoi del Paradiso nel Battistero – Duomo, fino alle raffigurazioni del Guariento nella Reggia Carrarese. Ad illustrare il Rinascimento saranno le visite alle opere di Mantegna agli Eremitani; per arrivare poi a quelle in luoghi la cui realizzazione o i contenuti sono espressione del Settecento, in particolare con le sculture dei Fratelli Bonazza presenti in varie Chiese della città. Per giungere infine alle epoche moderne con  la visita ad es. al CUAMM che ospita un’opera di Fulvio Pendini o ancora alla Chiesa del Bassanello novecentesca con una decorazione di Francesco Manzoni, fino alle più moderne  sculture di Vangi nel Duomo, alle opere di Omar Galliani al Museo Diocesano, non senza aver passato alcune delle serate presso la Pinacoteca dei Musei Civici, la Basilica del Santo, il Museo Antoniano, l’Oratorio di San Rocco con i loro capolavori d‘arte; od ancora al Museo Bottacin con le sue medaglie e monete, alle Biblioteche Antoniana –Del Seminario Maggiore – Universitaria con il loro immenso tesoro di libri antichi e codici miniati; Angeli Custodi in termini moderni (come coloro che soccorrono le persone in difficoltà) occuperanno alcune serate con  incontri con i Volontari della Croce Rossa, i Medici per l’Africa del CUAMM, l’Associazione Puppy Walker per addestramento di cani per i non vedenti.  Fuori Padova sono previste visite alle Abbazie di Praglia e Santa Maria di Carceri. In programma alcuni spettacoli musicali e teatrali e la mostra “Gli Angeli delle Stelle” all’Osservatorio Astronomico del Museo La Specola.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *