No ticket sanità in Veneto

//   19 luglio 2011   // 0 Commenti

Padrin

Leonardo Padrin

Il Presidente della Commissione Regionale Sanità Leonardo Padrin accoglie positivamente la decisione della giunta Zaia di sospendere in Veneto la maggiorazione sui ticket sanitari previsti dalla manovra di Governo, e rilancia: “I ‘buchi’ delle altre regioni non ricadano sulle spalle di noi veneti”. La puntualizzazione di Padrin è rivolta quindi alla necessità di vigilare a livello nazionale per evitare gli sperperi delle altre regioni nel settore sanitario.
Appoggiando la linea dura del Presidente del Veneto Luca Zaia, Padrin precisa anche che l’aggravio imposto dal governo avrebbe danneggiato soprattutto i più deboli, “ovvero coloro che hanno redditi bassi”. E prosegue: “Adesso nel Veneto dobbiamo impegnarci a portare avanti a tutta forza il piano sociosanitario e le cosiddette schede. Il pressing del Presidente è rivolto alle tempistiche e all’efficienza per la realizzazione del progetto: ”Entro fine anno i due diversi iter devono andare in porto. I tempi vanno contingentati e che ognuno faccia la sua parte con impegno, perché con la salute dei nostri concittadini non si scherza: dobbiamo essere sempre più precisi”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *