Monte Paschi di Siena, Viola: “Nessun aumento di capitale”

//   15 gennaio 2012   // 0 Commenti

fabrizio_viola2

Non si prevedono nuovi aumenti di capitale, dunque. Nel corso della sua prima conferenza stampa, dopo la nomina alla direzione generale avvenuta ieri all’unanimita’ da parte del cda, Viola ha precisato che quello del 20 gennaio “non sara’ un nuovo piano industriale”, che arrivera’ successivamente. “Esiste tutta una serie di misure volte a colmare il gap”, ha osservato Viola, sottolineando come la struttura patrimoniale dell’Istituto, sia sotto il profilo della quantita’ che della qualita’ “sia adeguato”.

Fabrizio Viola ha specificato che le misure che Mps prendera’ per rispettare le richieste dell’Eba si muoveranno verso tre direttrici: capital management, che dovrebbe apportare circa un miliardo di euro; ottimizzazione dell’attivo e del passivo; piano di dismissioni di asset in un’ottica industriale. Riguardo a quest’ultimo punto, Viola ha precisato che esiste “un ventaglio abbastanza ampio” di possibili dismissioni.

Giuseppe Musssari lascera’ la presidenza di Mps il 30 aprile. Lo ha annunciato lui stesso nel corso di una conferenza stampa, ricordando che si tratta di “una decisione personale maturata da tempo”.

(Pam/Ope/Adnkronos) 13-GEN-12 12:57 NNNN = (Adnkronos) – Nel corso della conferenza stampa in cui e’ stato presentato il nuovo direttore generale Fabrizio Viola, Mussari ha  annunciato che lascerà la presidenza di Mps il 30 aprile, ricordando che si tartta di ” una decisione personale maturata da tempo”. Mussari ha detto che  ”nelle forme riservate e dovute”, aveva comunicato agli azionisti della banca la sua volonta’ di arrivare alla scadenza naturale del prossimo 30 aprile e di non ricandidarsi alla presidenza. La decisione di non ricandidarsi, ha precisato Mussari, e’ stata presa da lui “decine di mesi fa”, cioe’ nel corso del 2009.

Mussari ha anche rivelato che “tutti gli azionisti” gli hanno chiesto di rivedere la sua scelta personale. Ma il presidente del Gruppo Mps si e’ detto convinto che questo debba essere “un incarico a termine e non puo’ essere confuso con la professione”. Da maggio prossimo, dunque, Mussari tornera’ a fare a tempo pieno l’avvocato. Oltre che il presidente dell’Abi

In esordio della conferenza stampa, Mussari ha salutato il direttore generale uscente Antonio Vigni, che ha lavorato 40 anni nel Gruppo Mps, e gli ultimi sei rivestendo il ruolo di dg.  “Vigni”, ha dichiarato Mussari “ha svolto un lavoro impeccabile” e la sua sostituzione “non e’ dovuta in alcun modo al suo operato”. Mussari ha ricordato che anche per Vigni la scadenza naturale del mandato era fissata al prossimo 30 aprile ma che la necessita’ di cambiare il dg e’ stata indotta dalle nuove richieste avanzate recente dall’Eba.

Mussari ha ringraziato Vigni per l’ottimo lavoro svolto e per aver garantito “una proficua condizione della banca”. Poi Mussari ha presentato Viola sottolineandone la carriera carica di “successi significativi” e si e’ detto sicuro che il nuovo dg sapra’ “estrarre valore” dal Gruppo Mps.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *