Moby acquista il 100% della compagnia di navigazione Toremar

//   3 gennaio 2012   // 1 Commento

moby lines

La Regione Toscana, proprietaria di Toremar dal novembre 2009, con una lettera di invito del gennaio 2011 aveva bandito la gara per la privatizzazione della compagnia di navigazione e il contemporaneo affidamento dei servizi pubblici di cabotaggio marittimo con le isole dell’Arcipelago toscano. Il bando prevedeva sia la presentazione di un’offerta economica in termini di entità del contributo regionale richiesto, che di un’offerta tecnica basata sull’impegno al miglioramento dell’età media della flotta – ad oggi composta da 7 navi più un aliscafo – e sull’offerta di servizi aggiuntivi, come per esempio il collegamento con l’isola di Giannutri e corse ulteriori con Capraia. Lo scorso 21 marzo Moby ha presentato un’offerta irrevocabile, il 5 maggio la società ha ottenuto l’aggiudicazione provvisoria e il 6 ottobre quella definitiva. In data 25 luglio è stata ricevuta l’approvazione dall’Antitrust italiano. La nuova Toremar gestirà per i prossimi 12 anni il trasporto fra le isole dell’Arcipelago toscano e la terraferma, e riceverà dalla Regione una sovvenzione di 13,333 milioni di euro ogni anno con un ribasso dell’8% sulla base d’asta. Nel contratto ci sono impegni precisi sia sulla tutela occupazionale dei 198 lavoratori della Toremar sia sullo svecchiamento della flotta: nei prossimi tre anni saranno infatti sostituite due delle sette motonavi attuali sia l’aliscafo Fabricia. Angelo Roma, amministratore unico uscente, assumerà la carica di presidente, mentre Achille Onorato sarà il nuovo Ad, con il Cda che sarà composto da rappresentanti del mondo imprenditoriale e politico locale. «Ora comincia il vero lavoro – ha detto il presidente di Moby, Vincenzo Onorato -, non solo garantire tratte e occupazione, ma riportare la Toremar ad essere la compagnia principe della Toscana e una delle migliori in ambito nazionale. Oggi la Toremar è una Ferrari con le ruote sgonfie, dobbiamo farla ripartire». Esiste anche l’ipotesi che una nuova motonave sia realizzata dai Nuovi Cantieri Apuania. «Spero vivamente – ha aggiunto Onorato – che la nuova nave venga costruita in Toscana, ma per fare le cose bisogna essere in due. La mia volontà c’è, lo spero con tutto il cuore, ma ci vuole uno sforzo da parte dei Nuovi Cantieri Apuania». «Pensiamo di aver conseguito un ottimo obiettivo – ha detto l’assessore toscano ai trasporti Luca Ceccobao -. La Regione non è un armatore e non era giusto che svolgesse questo ruolo Il Gruppo Moby – fondato dalla famiglia Onorato, armatori dalla fine dell’800, è attivo da oltre 50 anni nel settore del trasporto e del rimorchio marittimo; oggi il Gruppo è guidato da Vincenzo Onorato, armatore di quarta generazione. Il Gruppo Moby – con oltre 1.200 dipendenti – è leader, per numero di passeggeri trasportati, nei collegamenti tra i porti del Nord Tirreno e la Sardegna, la Corsica e l’Isola d’Elba. Moby è, inoltre, il principale operatore nel trasporto marittimo di merci, nei collegamenti tra i porti del Nord Tirreno da e per la Sardegna. La flotta è composta da 45 unità tra navi, fast cruise ferry e rimorchiatori. Moby gestisce anche la stazione marittima Isola Bianca nel porto di Olbia, i relativi fabbricati e i servizi annessi. Vincenzo Onorato, Presidente di Moby, è il principale azionista del Gruppo, partecipato anche da Clessidra SGR attraverso il fondo chiuso Clessidra Capital Partners (quota del 32%). Nel 2010, i ricavi consolidati ammontavano a circa 264 milioni di euro, in crescita di circa il 5% rispetto al 2009. Toremar è una società con sede a Livorno, effettua tutto l’anno collegamenti tra le isole dell’Arcipelago Toscano (Elba, Giglio; Capraia; Gorgona e Pianosa) e la Toscana. Nel corso del 2009 Toremar è stata trasferita a titolo gratuito alla Regione Toscana, che successivamente ha deliberato l’avvio della procedura di privatizzazione mirante a cedere sia l’intero pacchetto azionario che ad affidare il servizio pubblico di cabotaggio marittimo all’interno della Regione Toscana. L’attività di Toremar interessa traffici di passeggeri, di auto e di merci, connessi in particolare alla necessità di mobilità dei residenti sulle isole, nonchè al movimento turistico diretto o proveniente nelle stesse. La società nel corso del 2010 ha registrato un fatturato pari a circa 38 milioni di euro con una flotta sociale a fine 2010 costituita da 7 traghetti e un aliscafo.


Articoli simili:

1 COMMENT

  1. Pingback: Moby acquista il 100% della compagnia di navigazione Toremar | Diritto Trasporti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *