MISS LATO B: vince il concorso a 16 anni!

//   10 agosto 2011   // 2 Commenti

miss lato b

latob di monicaLa notizia non è certo da prima pagina, specie in questi tempi dove le cose che contano sembrano ben altre: disoccupazione, immigrazione e quant’altro. Ma non voglio banalizzarla. Fin qui non ci sarebbe nulla di male nella notizia se non fosse che Monica, la ragazza in questione, ha solamente 16 anni. Di certo non si e’ trattato di un normale concorso di bellezza, ma di un concorso a mo’ di macelleria in cui una singola parte del corpo veniva isolata, “passata al microscopio” e decontestualizzata. Un genere di concorsi ai quali Monica era avvezza, avendone già vinti altri due.

La vicenda risale a qualche giorno fa. In occasione, infatti, della prima edizione del concorso per l’elezione di Best Booty Contest ossia Miss Lato B che si è tenuto presso una discoteca del Vicentino Princeville. Ad aggiudicarsi la fascia una giovane studentessa sedicenne di Verona. La notizia ha immediatamente scosso gli animi e le associazioni dei genitori che hanno ritenuto il tutto ‘diseducativo’. Monica Di Bono, questo il nome della ragazza che ha vinto, ha affermato “è stato solo un gioco, divertendosi a sfilare in costume da bagno“. La diretta interessata, infatti, non si e’ scomposta di fronte alle critiche: “Non c’è nulla di male nel partecipare a un concorso di bellezza. Il mio futuro? Mi piacerebbe un giorno fare la modella. Ma per ora devo concentrarmi sullo studio“.

La giuria ha visto come presidente la star-attrice hard Amanda Fox che l’ha eletta come miglior fondoschiena. Suo padre si e’ detto orgoglioso di sua figlia, lui l’ha accompagnata e costantemente vigilata.

la vittoriaLa figlia, sotto gli occhi anche del padre, si è cimentata in tre prove: in pedana, piegamenti alla sedia e appoggio al tavolo (i piu’ maliziosi l’hanno capita), in jeans, bikini e, una volta finalista, in biancheria intima. Come premio? delle ciocche per le extention e 700 euro. Insomma un premio accettabile considerando che la maggior parte delle adolescenti di oggi sogna capelli fintamente allungati. A partecipare ovviamente non era l’unica ragazzina. Al concorso erano in ventidue, arrivate da tutta Italia, a contendersi non tanto il montepremi di tremila euro, quanto il desiderio di sfondare, e anche per questo motivo si sono scatenate le polemiche e giudizi sul valore educativo o meno dell’esperienza. Il Moige “movimento italiano genitori” ha ritenuto il tutto piuttosto diseducativo comunicando dei valori sbagliati. “Le ragazze di quella fascia di età sognano di entrare a far parte del mondo dello spettacolo e spesso credono che sia anche un modo facile per guadagnare subito e bene, a quest’età è importante anche coltivare valori diversi che possano così dare frutto attraverso delle generazioni che dovranno essere il futuro“.

Sia ben chiaro il mio non vuole essere mero provincialismo o bigottismo latente nei confronti di iniziative e concorsi di la sedicenna al centro1 300x224questa tipologia. E comunque sarebbe da ipocriti visto che siamo circondati da deretani e seni al vento a cominciare dalla  vicina della porta accanto. Ma ognuna di noi sa che quello con il proprio padre e’ un rapporto speciale perche’ loro sono i primi uomini della nostra vita e diventano il nostro metro di paragone nelle nostre relazioni. E anche perche’ il loro modo di guardarci, di pensarci, e di trattarci racchiude un affetto senza eguali in quanto rivolto al nostro futuro, il migliore che ci vogliono garantire.

Allora mi chiedo gia’ la generazione dei juniores di oggi cerca in tutti i modi di saltare le tappe cercando di avere ad ogni costo qualsiasi cosa, perche’ almeno i papa’, invece di assecondare ciecamente i desideri dei propri pargoli, non dicano “fermate il mondo io scendo con mia figlia”.


Articoli simili:

2 COMMENTS

  1. By Lina, 8 agosto 2017

    Complimenti!!!ti auguro una brillante carriera giornalistica.

    Rispondi
  2. Pingback: LATO B: Quello di Michelle Hunziker non ha eta’

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *