Mercato di auto e moto elettriche: l’Europa e l’Italia verso soluzioni green

//   28 agosto 2018   // 0 Commenti

vespa-elettrica

vespa elettrica 150x150

Il numero globale di automobili elettriche sta aumentando giorno dopo giorno, grazie ad un’offerta in costante ampliamento e ad una maggiore attenzione da parte dell’automobilista verso veicoli a basso impatto ambientale. Non è facile però realizzare stime per il futuro, considerando che si riscontrano ancora problemi di “gestione” degli stessi veicoli, come le piattaforme di rifornimento poco presenti sulle arterie autostradali e pin alcuni paesi.

Per ciò che concerne l’acquisto di scooter e moto elettriche, si registra un aumento, rispettivamente del 23% in Europa e del 40% in Italia. È quello che raccontano le statistiche del primo semestre di quest’anno fornite dall’associazione europea dei costruttori, l’Acem. Il dato è interessante in quanto sottolinea orientamenti molto diversi fra un paese e l’altro, molto di più rispetto a quanto accade per le automobili.

La categoria dei motocicli vede le registrazioni dei primi sei mesi passare da 1.616 a 1.995 unità, con un aumento del 23,5%. La Francia è il primo mercato e rappresenta quasi un terzo delle vendite con 615 unità (+41,7%). Seguono la Spagna (444 unità e +44,6%), Germania (325 e +4,8%), Austria (146 e +18,7%), Italia (132 e +40,4%) e Olanda con 108 registrazioni e un +14,9%.

Piaggio sulla scorta di quanto emerge dal mercato, a partire da settembre avvierà la produzione della nuova Vespa Elettrica. Lo rende noto il gruppo di Pontedera sottolineando di aver rispettato così i programmi presentati allo scorso Eicma. “La tanto attesa declinazione elettrica dello scooter più famoso e amato al mondo – spiega la società – nascerà nello stabilimento di Pontedera, in provincia di Pisa, lo stesso dove Vespa nacque nella primavera del 1946 e che oggi rappresenta una delle avanguardie tecnologiche mondiali per la progettazione, lo sviluppo e la produzione di soluzioni avanzate di mobilità”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *