Maturita’ 2012, ecco le materie della 2° prova

//   24 gennaio 2012   // 0 Commenti

maturita' 2012

Un decreto firmato dal ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Francesco Profumo ha svelato alcune delle materie che saranno oggetto della seconda prova fissata per il 21 giugno:

Greco al classico, matematica al liceo scientifico, pedagogia al liceo pedagogico, figura disegnata al liceo artistico, economia aziendale all’istituto tecnico per ragioneri, topografia a quello per geometri, alimenti e alimentazione all’istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione, lingua straniera per il liceo linguistico. All’istituto professionale per i servizi sociali, invece, psicologia generale e applicata e all’istituto professionale per tecnico delle industrie meccaniche, tecnica della produzione e laboratorio.

Queste le discipline con le quali dovranno confrontarsi gli studenti che quest’anno inizieranno la sessione di esami il 20 giugno: vocabolario sul banco e penna in mano, ad attenderli ci sarà la tradizionale prova d’italiano.

Le materie affidate ai membri esterni hanno seguito – fanno sapere dal Ministero – “il criterio della rotazione delle discipline laddove si è rivelato opportuno”.

Inoltre ci sara’ l’opzione scritto-grafica o scritto-pratica riservata agli studenti degli istituti tecnici e professionali: potranno sostenere la seconda prova anche all’interno dei laboratori dell’istituto. Rimane però la possibilità di scegliere le modalità tradizionali: testo scritto o un elaborato grafico. La decisione, hanno spiegato dal Ministero, è stata presa tenendo conto della natura pratica delle materie oggetto di studio. Durerà tre giorni, invece, la seconda prova per i licei e negli istituti d’arte. Gli studenti dovranno elaborare e presentare, infatti, progetti di architettura, ceramica, mosaico, marmo e oreficeria.

Mentre saranno gli studenti di 40 istituti scolastici, aderenti al progetto Esabac, chiamati a sostenere un “doppio” esame di maturità. Conseguiranno, infatti, sia il diploma italiano che francese, in base all’accordo italo-francese che venne sottoscritto il 24 febbraio 2009.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *