MARCO PANTANI il campione fuori norma

//   24 febbraio 2012   // 0 Commenti

Locandina Pantani A3Plus Locandina Pantani A3Plus Stampa 04 (quattro) colori (CMYK)

di Alessandro Albertin liberamente tratto da

IL CAPRO ESPIATORIO – IL RITUALE VITTIMARIO: IL CASO MARCO PANTANI, di Maria Rita Ferrara
con Alessandro Albertin e Michela Ottolini
REGIA
Michela Ottolini

INGRESSO A OFFERTA LIBERA.
L’INCASSO SARÀ DEVOLUTO ALLA FONDAZIONE MARCO PANTANI ONLUS.

Domenica 26 febbraio alle ore 16, al Teatro Comunale, l’Associazione Culturale Overlord in collaborazione con il Comune di Cesenatico e la Fondazione Marco Pantani Onlus, porta in scena la dolorosa vicenda che ha coinvolto il ciclista di Cesenatico Marco Pantani. Lo spettacolo teatrale ideato da Allessandro Albertin dell’Associazione Overlord e diretto da Michela Ottolini, è liberamente tratto dallo scritto di Maria Rita Ferrara “Il capro espiatorio – Il rituale vittimario: il caso Marco Pantani”. L’ ingresso è ad offerta libera con incasso devoluto alla Fondazione Pantani Onlus.

5 giugno 1994, Passo del Mortirolo: scalandolo come fosse una semplice collina, Marco Pantani entra prepotentemente nel cuore dei tifosi italiani. Comincia da lì una carriera straordinaria, il cui apice viene raggiunto nel 1998, conla conquista del Giro d’Italia e del Tour de France.
5 giugno 1999, Madonna di Campiglio: a due tappe dalla fine di un Giro d’Italia che sta dominando, viene fermato perché il suo sangue presenta dei valori fuori norma.
Esattamente cinque anni dopo la favola finisce e comincia un accanimento mediatico e giudiziario nei suoi confronti
che non ha precedenti. Pantani diventa per molti “il dopato d’Italia”.
Si può dire che il tutto sia servito a qualcuno? Che abbia fatto comodo a certi meccanismi di potere?
Si può dire che Marco Pantani sia stato un capro espiatorio per lo sport italiano?
Partendo da queste domande abbiamo cercato di capire se quanto successo dopo Madonna di Campiglio fosse normale. Oppure no.

marco pantani

ALESSANDRO ALBERTIN
Diplomato attore nel 1999 alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Ha lavorato, tra gli altri, con: Virginio
Gazzolo, Gianrico Tedeschi, Andrée Ruth Shammah, Gigi Proietti, Alessandro Gassman e Franco Branciaroli.

MICHELA OTTOLINI
Nel 2001 si diploma attrice alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Tra i registi con cui ha lavorato spiccano:
Peter Stein, Gabriele Vacis, Serena Sinigaglia, Franco Però, Damiano Michieletto e Fausto Russo Alesi.

www.associazioneoverlord.it


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *