Luna e dintorni

//   14 luglio 2011   // 3 Commenti

luna

Per secoli l’uomo, per garantirsi la sopravvivenza, è vissuto in costante armonia con i molteplici ritmi della luna e non osservava solo lo stato delle cose, ma anche quale interazione venisse a crearsi tra lo stato stesso ed il momento dell’osservazione: il giorno, il mese, la stagione, la posizione del sole, della Luna, delle stelle.

I calendari erano e sono (alcuni ancora oggi: “sesto Caio Baccelli…..) elaborati seguendo il corso della luna e del sole, i cui fenomeni ritornano ad intervalli regolari. Servivano per la previsione di particolari forze-impulsi che solo in determinati momenti agivano sulla natura, sull’uomo e sugli animali. In particolare facevano riferimento a quelle forze che all’unisono con il corso della Luna influiscono sulla vita e determinano il successo o l’insuccesso della caccia, del raccolto, delle cure.

Charles Darwin nella sua opera classica “L’origine dell’uomo” ha semplicemente trascritto una nozione già conosciuta, e ritenuta di grande utilità, da molte generazioni prima di lui: “L’uomo, come le belve e persino gli uccelli, è soggetto a quella misteriosa legge per la quale certi processi normali quali la gravidanza, la crescita delle piante e la maturazione dei frutti, il decorso delle malattie dipendono dai periodi lunari“.

Infatti i nostri antenati con il loro senso acuto, la vigilanza la capacità di percezione e la precisa osservazione della natura del mondi animale e vegetale hanno scoperto che numerosi fenomeni della natura sono in relazione con il corso lunare come ad esempio: – creazione di campi elettromagnetici che muovono la bassa e alta marea – nascite – ciclo mestruale – gli uccelli raccolgono il materiale per la costruzione del nido solo in certi periodi perché i nidi si asciugano più in fretta dopo la pioggia – tagliarsi i capelli – lavorare giardino e orto – seminare – concimare – le erbe medicinali raccolte in determinati periodi dell’anno contengono più principi attivi che in altri – influisce sull’umore degli uomini.

L’uomo aveva escogitato un “orologio stellare” con il quale poteva regolarsi a seconda degli influssi favorevoli o meno che dominavano in quel momento e molti calendari si regolavano sul corso della Luna. Del resto si sa che ancora oggi alcune delle nostre festività dipendono dalla posizione della luna. Pasqua, ad esempio, dalla fine del secolo dopo Cristo viene festeggiata la prima domenica dopo il plenilunio dall’inizio della primavera.

L’osservazione ed il rispetto dei ritmi naturali sembrano essere diventati superflui e sopravvive, alla fine, solo in alcune regioni e soprattutto nelle campagne dove i contadini anziani ancora coltivano tenendo conto delle leggi della natura.

Giovani contadini, guardie forestali e giardinieri dei “tempi moderni” sorridono dei loro genitori e nonni, parlano di superstizione e si affidano completamente all’uso smodato di macchinari, strumenti e pesticidi. Così è stato perso il contatto con la natura e ciò ha portato a contribuire alla distruzione dell’ambiente essendo sorretti sempre dall’industria che ha saputo costruirsi intorno un alone di fiducia dando l’impressione di essere in grado di risolvere qualsiasi problema.

Nessuno, oggi, può ignorare il prezzo che siamo costretti a pagare per aver disatteso i ritmi delle leggi naturali: i raccolti diminuiscono e i parassiti imperversano perché il terreno viene depredato senza che si possa proteggere e rigenerare, l’uso dei pesticidi si è moltiplicato nel giro di pochi decenni senza raggiungere un successo evidente. Qualità e valore nutrizionale dei raccolti diminuiscono sempre di più.

La Luna nasce e muore ogni mese, dodici volte l’anno, come il grembo mestruato delle donne (ogni 28 giorni).

Le fasi più importanti della Luna sono:

Luna nuova: nei 28 giorni della sua rotazione intorno alla terra, la luna mostra una sola parte, quella che noi vediamo in tutto il suo splendore al plenilunio. L’altra parte rimane nel buio. Se vista dalla terra, la Luna si trova tra la terra e il sole, ci mostra la sua faccia oscura poiché è più vicina al Sole. Sul calendario è indicata normalmente con un disco scuro. Un lasso di tempo breve in cui essa esercita impulsi particolarmente forti su uomo, animali e piante. Chi, per esempio, digiuna in questo giorno, previene molte malattie perché la capacità di disintossicarsi del corpo è al massimo. Alberi malati, dopo la potatura, possono guarire. La terra comincia ad inspirare.

Luna crescente: dopo alcune ore dopo la luna nuova, sulla superficie lunare, muovendosi da sinistra a destra, appare una piccola falce dalla parte della luna esposta al Sole: la Luna crescente e inizia il suo cammino I sei giorni circa di viaggio fino alla messa luna vengono anche definiti primo quarto e il cammino fino al plenilunio, dopo circa tredici giorni, secondo quarto. Quanto più la Luna cresce, tanto più difficile ad esempio è guarire una ferita. Se l’insalata è stata piantata in questo periodo arriva subito alla maturazione precoce cioè si dice “va subito in seme”.

Plenilunio: la Luna ha compiuto il suo viaggio intorno alla terra. La faccia che mostra al sole è un chiaro disco rotondo nel cielo. Vista dal Sole, la luna si trova ora dietro la terra. Nel calendario la Luna piena è rappresentata da un disco chiaro. Ora che il suo cammino volge verso la fase calante, il cambiamento degli impulsi si fa avvertire di più. I sonnambuli si muovono nel sonno, le erbe medicinali colte in questo girono sprigionano maggiori forze, alberi potati ora potrebbero morire, i distretti di polizia devono fare i conti con un incremento di violenza ed incidenti, nascono più bambini.

Luna calante: la Luna si sposta lentamente e la sua faccia oscura fa la gobba da destra a sinistra, inizia così la fase calante. La scoperta dei particolari influssi di questo periodo hanno portato a verificare che le operazioni riescono meglio, mangiando un pochino più del solito non si ingrassa. Molti lavori nel giardino e nell’orto vengono favoriti come la semina e la piantagione a dimora di verdure.

“Gobba a levante, luna calante; gobba a ponente, luna crescente” – “La luna, regge il lume ai ladri”

Giulia Zeroni – Consulente del benessere su misura

Economo Dietista -Dirigente di Comunità – Estetista

Viale Gramsci n. 19 – Firenze

Tel. 339-6098166

Sito web: www.giuliazeroni.it


Articoli simili:

3 COMMENTS

  1. By tiziana, 13 dicembre 2017

    Seguire gli insegnamenti della natura serve a migliorare se stessi.

    Rispondi
  2. By Alessandra, 13 dicembre 2017

    Luna e dintorni, fasi lunari assolutamente da ricordare e farne tesoro

    Rispondi
  3. By fioretta, 13 dicembre 2017

    Grazie per questo articolo.Sono appassionata a questo argomento e non mi sono mai dimenticata degli insegnamenti ricevuti fin da bambina sull’influenza della luna nella vita quotidiana, quindi ti sono grata di averlo trattato in questo tuo articolo con semplicità e chiarezza.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *