Livorno riceve Un giro per la vita. Staffetta alimentare con Lerici

//   3 luglio 2012   // 0 Commenti

600 IMG 2312 300x173“Un giro per la vita”, primo tour ecologico delle coste italiane in barca a vela (Sly 42 Fun) e Porsche Panamera ibrida, in una delle sue ultime tappe che da Trieste lo stanno portando ad Andora (Sv) è approdato allo Yacht Club di Livorno, dove in mattinata è stato ricevuto dalle autorità locali. A fare gli onori di casa all’equipaggio composto dai velisti Alfredo Giacon di Padova, ideatore del giro, sua moglie Nicoletta Siviero e il velista romano Renato Carafa, con Roberto Brumat che conduce la Porsche ibrida, sono intervenuti il presidente della Camera di Commercio di Livorno Roberto Nardi, Carlo Brovedani dello Yacht Club, Fabrizio Monacci della Lega Navale e il tenente di vascello Fabrizio Fantozzi della Capitaneria di porto. A dare il saluto a “Un giro per la vita” c’era anche il comandante dell’Accademia Militare Giuseppe Cavo-Dragone.
All’incontro servito ad esprimere il valore delle tecnologie anti inquinamento applicate ai mezzi che navigano per mare e per strada, erano presenti anche Mauro Gentile capo ufficio stampa Porsche Italia e Pierluigi Turchi direttore commerciale Sly Marine, che hanno parlato della riciclabilità al 95% delle Porsche e del nuovo progetto Eco Naut che finalizza i sistemi costruttivi alla riciclabilità. Al termine il presidente camerale ha ricevuto il cesto di prodotti tipici consegnato dal porto di Scarlino all’equipaggio per la città di Livorno; e a sua volta ha offerto alcune prelibatezze livornesi per la consegna alle autorità

di Lerici dove vela e auto sono attese lunedì. Con il suo messaggio ecologico “Un giro per la vita” testimonia che inquinare meno è possibile, così come consumare meno scegliendo i cibi a km zero e alimentandosi in modo salutare con la dieta mediterranea, “invenzione” nata proprio sul Tirreno dalle ricerche condotte dal fisiologo americano Ancel Benjamin Keys che per vent’anni studiò la popolazione di pescatori di Pioppi (SA) dove scelse di vivere.

Notizie Stampa

I due equipaggi della barca a vela Sly 42 Fun e della Porsche Panamera S Hybrid portano in 15 regioni “marinare” il loro messaggio ecologico: promuovere valori e stili di vita compatibili con la necessità di preservare il pianeta per consegnarlo sano alle nuove generazioni. Il mare visto da terra e la terra vista dal mare, sono le due diverse visioni dell’Italia che l’iniziativa di Alfredo Giacon, ambientalista scrittore e velista padovano dell’associazione ASD Jancris, vuol raccontare con i mezzi messi a disposizione da due aziende attente alla tutela ambientale come Porsche Italia e Sly Marine, in collaborazione con Centro Sportivo Italiano e Lega Navale Italiana e col patrocinio del Ministero dell’Ambiente, Tutela del territorio e del mare. Negli 8 principali approdi della circumnavigazione d‘Italia in 25 tappe, tra cui Napoli, i due equipaggi incontrano le comunità locali affrontando con loro altrettanti grandi temi ambientalisti. Il Giro conta sui patrocini del Comando Generale del corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, del Centro Internazionale Radio Medico, di Assonautica, di Eurispes, Federazione Italiana Vela, ACEGAS APS.

<>.

Ad ogni rendez-vous dei due mezzi ecologici, il Comune ospite e le sezioni locali della Lega Navale Italiana e del Centro Sportivo Italiano, richiamano pubblico per un cocktail di benvenuto con prodotti tipici a km zero e per parlare di nuovi stili di vita, innovazione, turismo intelligente, beni culturali, Mediterraneo, dieta mediterranea, letteratura di viaggio, sport pulito. Col suo equipaggio di tre persone, Alfredo Giacon con la moglie Nicoletta Siviero, la loro cagnetta Trudy “consumata velista intercontinentale” e Renato Carafa spin-off di La Sapienza Università di Roma, la vela resta ormeggiata per almeno un giorno in ciascun porto. Durante i 64 giorni di navigazione viene “pedinata” via terra dalla Porsche Panamera S Hybrid, affidata al giornalista Roberto Brumat che segue la costa assieme a colleghi dei media locali Basilio Puoti, Sergio Pastore e Marco Megueni: un viaggio alla scoperta del territorio, ma anche della tecnologia Porsche che, nel caso di questo veicolo ibrido, gli permette di veleggiare grazie al disaccoppiamento dei motori elettrico e termico, con risparmio di carburante ed emissioni che scendono a zero.

Notizie Stampa

Con foto, video, reportages gli equipaggi testimoniano ciò che incontrano sotto il profilo ambientale, culturale e del turismo alternativo.
Per evidenziare la positività delle tecnologie a basso impatto ambientale, madrina del Giro per la vita è la principessa Elettra Marconi, figlia dell’inventore della radio e premio Nobel a 35 anni. Nelle varie tappe del tour, Ugo Mursia Editore organizza presentazioni di libri a tema marinaresco- ambientalista.
Per gli appassionati di auto e barche, nei principali approdi (i prossimi sono Napoli, Civitavecchia, Livorno e Andora) si organizzano incontri ed eventi cui possono partecipare anche appassionati di Porsche e Sly yacht; ad ogni tappa i ragazzi delle scuole sono invitati al porto per affrontare i temi ecologici a contatto con equipaggi, auto, vela ed esperti locali.

<>.

Associazione ASD Jancris

L’Associazione è emanazione diretta di Alfredo Giacon, che dal 1993 naviga nei mari di tutto il mondo con la moglie Nicoletta e la cagnolina Trudy a bordo della loro barca a vela JANCRIS. Giornalista, scrittore, ambientalista collabora da anni con periodici specializzati e con quotidiani locali. Ha pubblicato con Mursia cinque libri, uno è stato tradotto in inglese e venduto negli Stati Uniti e in altri in sei Paesi di lingua anglosassone. Quando non naviga è divulgatore di tematiche ambientali positive, sostiene l’impellente necessità di cambiare gli attuali stili di vita senza per questo diminuire la qualità della propria esistenza, e di un nuovo modello di sviluppo per crescere ed al contempo vivere più in armonia con questo bellissimo Pianeta. www.alfredogiacon.com full hybrid parallelo, motore V6 da tre litri sovralimentato da compressore e motore elettrico sincrono con una potenza complessiva del sistema pari a 380 CV (279 kW); Tiptronic S a otto rapporti; accelerazione 0 – 100 km/h in 6,0 secondi; velocità massima 270 km/h; consumo in base al NCPE 7,1 l/100 km; CO2 167 g/km, con pneumatici All Season a bassa resistenza al rotolamento

Notizie Stampa

6,8 l/100 km; CO2 159 g/km. La Porsche Panamera S Hybrid, vettura full hybrid parallelo nel segmento delle Gran Turismo, presenta potenziali straordinari. Alimentata esclusivamente dal motore elettrico riesce a percorrere circa 2 km e in funzione della situazione di guida, può raggiungere velocità fino a 85 km/h con la sola alimentazione elettrica. L’ibrido Porsche costituisce l’unico sistema in grado di sfruttare anche altre funzionalità utili a ridurre il consumo alle velocità più alte spostandosi ovvero “veleggiando” col motore a combustione spento sulle e strade provinciali. In assenza di potenza motrice, alle velocità fino a 165 km/h, il motore a combustione viene disaccoppiato dal sistema di trazione e spento. Grazie alla notevole riduzione delle emissioni, la Panamera S Hybrid presenta attualmente alcuni vantaggi fiscali su numerosi
mercati. Rispetto alla Panamera S, in Germania la tassa automobilistica si riduce di 204 euro annui. Il modello ibrido permette al suo titolare un risparmio una tantum di rispettivamente 1.850 euro in Francia, 4.475 euro in Spagna e 8.584 euro nei Paesi Bassi. Sui mercati extraeuropei il proprietario di una Panamera S Hybrid può ottenere risparmi fino a 2.200 dollari USA negli Stati Uniti, il controvalore di circa 4.000 euro in Giappone, mentre in Cina questo vantaggio raggiunge i valore di circa 15.000 euro.
Sly è da sempre cantiere all’avanguardia nella ricerca di soluzioni tecnologiche innovative, nell soluzioni di design, nell’attenzione per l’ambiente: il progetto EcoNaut, di cui è promotore con il nuov Sly38, vede il Cantiere in prima linea nella volontà di definire regole e linee guida pe ridurre l’impatto ambientale in ogni fase del ciclo di vita delle proprie imbarcazioni. Sly costruisce barche per chi ama il mare, e si diverte veleggiando con esse. www.sly-yachts.it


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *