L’Italia si accontenta: 1-1 contro la Serbia

//   7 ottobre 2011   // 0 Commenti

12

L’Italia di Cesare Prandelli non va oltre 1 a 1 contro la Serbia (partita valide per le qualificazioni a Euro 2012). Gli Azzurri hanno comunque disputato un’ottima mezz’ora prima di cedere il passo alla leziosità, naturale conseguenza della qualificazione già conquistata. Anche i serbi, a cui i tre punti sarebbero serviti e parecchio, hanno offerto sprazzi di buon calcio. Molto buona la prova di Marchisio che ha confermato quanto di buono mostrato con la Juventus.

La partita inizia con ritmi elevatissimi. La prima azione, dopo pochi secondo dal fischio d’inizio, è della Serbia. Buffon para un rasoterra insidioso dal limite dal limite dell’area e rilancia in avanti. Capovolgimento di fronte con Rossi che temporeggia in attesa dell’inserimento di Marchisio. Lo juventino riceve palla e insacca di esterno. Italia in vantaggio dopo solo 54”.

La Serbia non ci sta e nel giro di due minuti (7′ e 8′) produce due palle gol. La prima con Ninkovic (rasoterra dal limite, si distende Buffon) la seconda con Krasic che dopo una serie di rimpalli si trova davanti al portiere azzurro, seppure in posizione decentrata. La mira è pessima e il pallone, calciato al volo, va ampiamente fuori.

Un minuto dopo Cassano evita gli interventi degli avversari e tenta la conclusione quasi da fermo: il tiro è bello ma il pallone colpisce l’esterno della rete.

La partita è già splendida con le squadre che non si risparmiano. Gli azzurri fanno circolare ottimamente il pallone, i quattro centrocampisti dai piedi buoni si trovano con facilità, in particolare Pirlo dirige con grande esperienza e classe la manovra. Il duo tascabile Cassano-Rossi mette in apprensione i difensori serbi appena parte in velocità. I serbi appaiono molto aggressivi ma non molto efficaci.

Al 25′ la Serbia trova un rocambolesco pareggio. Calcio d’angolo, il pallone viene ribattuto fuori dall’area, tiro di Tosic e Ivanovic trova, praticamente di rimpallo, la soluzione vincente. Uno a uno comunque meritato.

La partita cambia. Il ritmo si abbassa con gli azzurri adesso molto più cauti, quasi impauriti. Il gioco scorre in orizzontale, semplificato da passaggi semplici. La Serbia gioca d’attesa.

Al 41′ Krasic si trova quasi a tu per tu con Buffon, sempre in posizione di ala destra. Calcia scoordinato e il pallone va a lato.

Il secondo tempo inizia come il primo: il ritmo ritorna alto. Kolarov già al 1′ calcia una punizione terribile da 35 metri. La traettoria è tesa e dritta all’incrocio dei pali. Buffon vola e compie un miracolo.

Sempre Kolarov, ora salito in cattedra, viene lanciato in piena area di rigore. Il tiro che ne consegue è angolato ma debole, il portiere azzurro blocca il pallone.

La partita ora è diventata noiosa, ma qualche occasione da gol spunta sempre. Al 19′ Montolivo viene lanciato in piena area di rigore, zona destra, ma pecca d’altruismo: anziché andare al tiro cerca un compagno (che non c’è) con un rasoterra debolissimo. Il giocatore della Fiorentina comunque stenta a trovare la giusta posizione in campo. L’azione successiva vede un colpo di testa di Pantelic su cross dalla destra, per fortuna la conclusione va alta sopra la traversa.

Dopo, poco o nulla. La girandole di cambi (da segnalare Marchisio uscito per infortunio e l’entrata di Giovinco) rompe gli equilibrio delle squadre. I palloni giocati sono sporchi, le idee molto confuse. La partita si conclude nella noia generale con un uno a uno che accontenta l’Italia e mette in crisi la Serbia che adesso deve vincere a ogni costo.

Serbia (4-2-3-1): Jorgacevic; Ivanovic, Rajkovic, Subotic, Kolarov; Stankovic (42′ st Jovanovic), Fejsa (1′ st Petrovic); Krasic (31′ st Zigic), Ninkovic, Tosic; Pantelic. A disp.: Kahriman, Tomovic, Milijas, Simic. All.: Petrovic
Italia (4-3-1-2): Buffon; Maggio, Barzagli, Bonucci, Chiellini; De Rossi, Pirlo, Marchisio (25′ st Nocerino); Montolivo (37′ st Aquilani); Cassano (22′ st Giovinco), G.Rossi. A disp.: Sirigu, Astori, Cassani, Osvaldo. All.: Prandelli
Arbitro: Pedro Proença (Portogallo)
Marcatori: 1′ Marchisio (I); 26′ Ivanovic (S)
Ammoniti: Ivanovic, Stankovic, Zigic (S)


Tags:

euro 2012

italia

marchisio

Pirlo

servia


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *