L’ITALIA IN BILICO?

//   14 luglio 2011   // 0 Commenti

crisi euro

Quel che non va bene nel nostro Paese, è questo piangersi addosso, questo drammatizzare ad ogni notizia che riguarda il rating, questo credersi sempre sull’orlo del fallimento, in procinto di precipitare nel baratro del fallimento, di seguire a ruota la Grecia.
L’Italia ha delle serie difficoltà, non ci nascondiamo dietro un dito. Ma sono difficoltà che sono bene individuate e il governo le segue per risolverle come le leggi finanziarie suggeriscono. E’ ben vero che la speculazione ha cavalcato la tigre, ma è anche vero che il nostro Paese è in grado di far fronte alle difficoltà che sono superabili e le autorità finanziarie hanno predisposto argini ben saldi per contenere la piena che ha invaso anche le quotazioni di borsa, allarmando gli operatori.

L’Italia è un Paese assai più importante della Grecia ed annoverata tra quelli europei più autorevoli, siamo una delle colonne portanti dell’Europa. Siamo una componente essenziale, un grande Paese la cui sorte non è in bilico perchè una caduta dell’Italia sarebbe la fine del sistema occidentale, la fine dell’euro. Chi teme una scivolata negli anfratti delle difficoltà che sovrastano il cielo plumbeo della crisi internazionale che si prolunga oltre l’orizzonte sbaglia. L’Italia ha già creato le strutture fondamentali per la sua operazione da quaranta miliardi che dovrà concludersi nel 2014 e le autorità monetarie europee sanno che il disegno per reperire quelle risorse ha le sue fondamenta nella realtà finanziaria del nostro Paese. Ma se ad ogni passo il terrorismo psicologico pervade gli scriba che inquadrano panorami disastrosi nell’economia italiana, la gente finirà col convincersi che siamo tutti nell’anticamera del disastro finanziario.

L’Italia è essenziale, indispensabile per tutto l’equilibrio europeo ma basta agli speculatori deficienti e soprattutto basta ai media che dalle prime pagine servono ogni mattina il calice del loro veleno in odio ad un governo che vorrebbero dimissionario.

Ma per sostituirlo con chi? L’alternativa a questo governo sarebbe il suicidio dell’Italia.unione europea in crisi 496x396La crisi economica in Italia...


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *