L’indotto economico delle Colline del Prosecco patrimonio Unesco ma servono infrastrutture di collegamento e non alberghi

//   11 luglio 2019   // 0 Commenti

unesco-prosecco-foto-adnkronos-640x267

Il passo dalla Poesia all’Economia è sempre breve ed un’Italia cui fondamentali tesori sono artistici storici ed enogastronomici, anche l’attribuzione alla Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene a Patrimonio Universale dell’Unesco non poteva finire che in Gloria anche Economica. E’ vero che il titolo rende necessario che un tale paesaggio sia ancora più tutelato e le sue colline più protette, ma di per se viene considerato già un fattore capace di determinare il raddoppio dei possibili clienti ospiti di alberghi, ristoranti ed enoteche della zona per visitarla e gustarne in particolare il vino; ma è pure l’occasione per Confcommercio per lanciare l’allarme che per soddisfare le nuove richieste servirà creare delle nuove infrastrutture in senso lato. Economicamente come stima generale si parla di un indotto della nomina pari a 300 Milioni di Euro in più all’anno di quelli finora normalmente incassati, secondo le stime delle associazioni turistiche e degli addetti ai lavori; con Ascom -Confcommercio che si è spinta fino alla stima di 1 Milione in più di visitatori –turisti annui in Provincia di Treviso, raddoppiando alla fine quello che è il numero normale annuale registrato da anni; valutando una Spesa di Pernottamento di 135 Euro a testa definita quale spesa per dormire in hotel, alla quale andrà aggiunta la Spesa Enologica come Indotto che viene affermato comprenderà non solo ristoranti, enoteche, bottiglie di prosecco,casse di spumante, Sagre e Primavere del Prosecco, di 150 Euro a testa considerato un conto spesa prudenziale che potrebbe essere superato;e che comunque conduce al citato incremento di 300 Milioni di Euro di  ricavi provinciali. Volano certo seppure non così vicino nel tempo parlando di Mondiali di Sci non così lontani essendo previsti nel 2021 e Olimpiadi nel 2026 sarà sicuramente Cortina a solo 100 Km da Conegliano, sempre secondo Ascom–Confcommercio; ma questo comporta l’ovvia necessità di presentarsi anche con i dovuti Collegamenti Infrastrutturali necessari a collegare in particolare in vista delle Olimpiadi, quelli che il Presidente Trevigiano Fabrizio Capraro ha definito i 3 Assi Portanti dell’Asse Veneto Nord Sud di 150 Km e cioè le Dolomiti, il Prosecco e Venezia. E’ unanime la condivisione di Categorie Economiche,. Regione Veneto per voce del Presidente Zaia e dei Sindacati su 2 principi di azione l’importanza di creare- completare le infrastrutture ed il No che sembra pure esso assoluto alla creazione di Nuovi Hotel/Alberghi convergendo la loro opinione sulla base di realtà attive altrove che stanno dando ottimi risultati sul Modello Albergo Diffuso. Quello cioè che possa valorizzare le magnifiche residenze esistenti, puntando magari a ristrutturazioni rispettose  dell’ambiente e mirate al consumo energetico puntando davvero ad una economia che sia effettivamente green.

unesco prosecco foto adnkronos 640x267


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *