Libri tagliati, vandali in azione all’Istituto Comprensivo Parini (Scuola elementare “Acqua Rossa”) di Ostia

//   22 novembre 2014   // 0 Commenti

L’Istituto Comprensivo Parini non garantisce la sicurezza dei suoi allievi e la Dirigente scolastica non riceve i genitori

Per due volte consecutive nel giro di una settimana gli alunni di una classe della scuola elementare “Acqua Rossa” di Ostia si sono ritrovati libri quaderni e altro materiale didattico tagliuzzati e scarabocchiati ad opera di alcuni vandali che si sarebbero introdotti nell’aula presa di mira, la 4 C, durante il normale svolgimento dell’orario scolastico. Approfittando, in almeno un’occasione, della divisione momentanea delle classe, a causa della mancanza di un insegnante e, proprio ieri, nel primo pomeriggio di un momento di pausa in cui sia la maestra sia gli alunni si trovavano nel giardino del plesso, alcuni individui si sarebbero introdotti nella classe per compiere l’azione vandalica. Così i bambini quando sono tornati in aula hanno trovato l’amara sorpresa: a chi, armati di taglierini o lame dei temperini, hanno tagliuzzato libri e quaderni e a chi hanno scaraventato libri, diari e astucci fuori dalle finestre. L’ipotesi che a compiere i raid vandalici sia qualcuno di esterno che in molti vogliono come la più accreditata perchè altrimenti genitori e personale dovrebbero guardare all’interno dell’organico della scuola.
“Siamo a dir poco indignati, è inaudito quanto accaduto – racconta Patrizia Brunetti, genitore di un alunno della 4 C – Quello che riteniamo sia più grave è che del fatto la Preside della scuola Acqua Rossa era stata già avvisata del primo episodio, con tanto di relazione scritta; ancora più grave che, a quanto sembra, come confermato dallo stesso responsabile del plesso scolastico, non sono presenti abbastanza addetti per garantire una sorveglianza completa dei due piani dell’edificio durante lo svolgimento del normale orario scolastico. Altrimenti non si spiega come sia possibile che alcuni individui riescano ad entrare e ad agire indisturbati nelle classi durante queste brevi pause di assenza. Per correre ai ripari hanno persino proposto – conclude la mamma – di chiudere a chiave le classi con i lucchetti”.

La Redazione


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *