Lettera al Presidente Monti dal PDA

//   16 dicembre 2011   // 1 Commento

partito delle aziende

Preg.mo
Sen. Prof. Mario Monti
Presidente del Consiglio

Palazzo Chigi,Roma

fabrizio frosio 300x200Egregio Presidente,

A nome ed in rappresentanza del partito delle aziende, denominato PDA, di cui mi onoro essere il Presidente, sono con la presente a sottoporre alla Sua preziosa valutazione alcune richieste espresse con determinazione dagli associati del nostro partito, il quale, Presidente Monti, se pur di recente costituzione rappresenta un consistente numero di piccoli e medi imprenditori nel tessuto produttivo del nostro paese.
Riteniamo quindi di avvalerci della Sua esperienza e professionalità per analizzare una serie
di importanti richieste, al momento vitali, nell’attuale fase storico/politica, per le categorie da noi rappresentate .

RICHIEDIAMO:

- Il blocco in tempo reale, delle esecuzioni di Equitalia per un anno.

- Sospensioni delle rate di mutui e leasing per le imprese e nuclei familiari per un anno, in modo da dare respiro e far sopravvivere aziende, da cui dipendono molti nostri connazionali.

- Partecipare al tavolo delle trattative, in rappresentanza dei nostri associati e in considerazione che le piccole aziende attualmente rappresentate da CONFINDUSTRIA sono solo in realtà il 5% del tessuto produttivo Nazionale.

Sicuri di un Suo favorevole accoglimento, di quanto sopra esposto, negli interessi dell’Italia e dagli Italiani da noi rappresentati, Le confido con la presente di essermi già adoperato per sedare animi, pronti a manifestazioni di piazza in caso di mancate risposte, cercando, sin qui, di evitare turbative al lavoro del Suo governo, nell’interesse comune del nostro paese.

In attesa di un Suo cortese riscontro e di conoscerLa personalmente, rimango a Sua completa disposizione e Le formulo con tutto lo staff Presidenziale del mio partito i migliori auguri di buon lavoro.

Distinti saluti

Il Presidente Fabrizio Frosio


Articoli simili:

1 COMMENT

  1. By Antonio Fraioli, 22 settembre 1177

    Chiarissimo Prof Monti con il mio modestissimo 110 e lode in economia e commercio, preso alla gloriosa Università La sapienza di ROMA, trovo che la sua amara ricetta non sia particolarmente degna della Sue capacità tecniche. Con questo non intendo offerndere il Suo difficilissimo operato ma mi permetto suggerire alcuni rimedi TECNICI, da semplice LAUREATO in ECONOMIA E COMMERCIO, che possono dare grandi risultati sui nostri magri conti:
    no aliquota iva dal 21 al 23% sui beni ordinari ma aliquota del 38% su tutti quei beni di lusso, per la maggior parte di evasori o falsi dichiaranti , su auto di lusso ,gioielli,barche,viaggi all’estero,cavalli,piscine,antiquariato ecc.;
    applicazione di una tassa una tantum sui mezzi gia’ in circolazione( mi riferisco a quelli logicamente registrati) sottoposti alla nuova aliquota per giustizia ed equita’.Se non venisse fatta sarebbe un regalo per tutti gli oggetti di lusso usati gia’ sul mercato che , con la nuova aliquota, avrebbero una sorta di rivalutazione automatica ;
    tasse sullo STAZIONAMENTO e NAVIGAZIONE delle imbarcazioni nei porti e mari Italiani , senza riguardo ALLA BANDIERA, in quanto tutte le vere barche che vediamo sono abilmente schermate da società di paradisi fiscali. Se Vanno via dai nostri mari non sarà un danno intanto inquinano e non danno contribuzione al nostro erario. Che vadano in altri mari cosi’ , se sono i soliti furbetti italiani, dovranno iniziare a pagare salati voli aerei e avere i loro ” barconi” alla merce’ di porti turistici stranieri;
    integrale rimborso della sola aliquota IVA su tutte le fatture, di medici,dentisti, idraulici ,meccanici, ristoranti,stabilimenti balneari,trattamenti estetici, barbiere,gommisti ecc. se riportate sul proprio 740. Quanta evasione a costo Zero per lo stato viene stanata?

    La sua manovra non premia chi ha sempre fatto un corretto 740 ma lo penalizza . Si rende conto che chi non ha correttamente dichiarato, ancora una volta ride alla Sua faccia.
    Il suo governo Tecnico non sta dando prova di essere tale , ma sembre piu’ un governo che opera il lavoro sporco di quella casta di parassiti che si chiamano POLITICI. Non crede che operando in questo modo perderà la Sua Professionalità e darà dimostrazione di essere un loro complice ? La notte quando cerca di prendere sonno pensa al padre di famiglia , mono reddito con due figli e moglie che vive in affitto con uno stipendio di 1.200/1.500 €, al quala vuole applicare un’Iva al 23% e la nuova IMU ? Dorme bene e sereno ? Non vede che qualche estremista ha iniziato a fare i primi passi ? Non le sembra che potrebbe ripartire il bruttissimo clima degli anni “70 ?
    La prego ragioni da economista e non da tecnico colluso ai politici, e’ meglio che l’Italia esca dall’euro , che altri padri di famiglia facciamo gesti senza ritorno.
    Con rispetto e con profonda tristezza mi auguro che il nostro nuovo anno
    porti pace, amore e onestà per tutti quegli italiani che credono e rispettano la nostra GRANDE NAZIONE.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *