LE RONDINI MESSAGGERE DEL CLIMA

//   9 settembre 2018   // 0 Commenti

img_5388-1

Mi dicono che anni fa, si usava somministrare agli alunni delle elementari i temi sulle rondini: a marzo “Sono arrivate le rondini e la primavera” e a settembre “La partenza delle rondini”, o giù di lì. Tutti gli anni la stessa storia e tutti gli anni le stesse scontate parole scritte sui quaderni. Magari oggi fosse ancora così. Non per i temi da scrivere, non me ne vogliano i ragazzi, ma perché le rondini non ci sono più a indicarci che la stagione migliore o i primi freddi stanno arrivando.

Nel 2015 la LIPU ha segnalato che nel decennio precedente, in Europa, le rondini erano diminuite del 40%. Il perché è dovuto sempre agli stessi ovvi motivi: agricoltura intensiva, uso di pesticidi e cambiamenti climatici che causa il degrado dell’ambiente.

Anche in questo caso le rondini sono messaggere sull’ambiente e sul clima e sulle conseguenze per l’uomo. Il deserto transahariano, loro casa invernale, si sta espandendo sempre più e i viaggi migratori diventano sempre più lunghi e faticosi, tanto che le rondini come molti uccelli migratori non riescono a sopravvivere a questi continui traslochi.

Una volta qui trovano una casa non più confortevole. Il segretario nazionale delle Nazioni Unite, nel ricordare la giornata mondiale degli uccelli migratori (12 maggio), ha ricordato che questi perenni viaggiatori sono un simbolo di connessione tra popoli e territori e vanno identificati come messaggeri di pace nel mondo.

Come sempre, siamo noi esseri umani a cambiare lo stato delle cose. Purtroppo, per tutti noi studenti tra pochi giorni ricominciamo a sederci ai banchi di classe e spero che i programmi di studio includano sempre più l’ambiente e il suo rispetto (un obbligo scolastico che deve partire a “monte”).

Vi segnalo un paio di siti, fra i tanti, dove potrete leggere frasi, aforismi e poesie sulle rondini. Fatene buon uso!

https://aforisticamente.com/2017/02/25/frasi-citazioni-aforismi-sulla-rondine/

http://poesieparolemg.blogspot.com/2009/03/gianni-rodari-e-la-primavera.html

Nel frattempo le rondini di casa mia, che potete ammirare nella foto, sono partite in anticipo a fine agosto. Colpa di un freddo momentaneo improvviso. Il loro nido resterà lì, in cantina, da dove entrano da una piccola finestrella. A primavera spero nel loro ritorno.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *