Le donne sono migliori degli uomini nella tecnologia, il report

//   23 novembre 2017   // 0 Commenti

output_immagine

Le donne sono migliori degli uomini nella tecnologia, lo afferma un rapporto di The Brookings Institution che ritiene che le donne abbiano migliori competenze tecnologiche e digitali rispetto agli uomini, ma sono ancora sottorappresentate nel settore.

Un rapporto del Metropolitan Policy Program, presso il Brookings Institution, ha misurato i punteggi in ambito digitale di uomini e donne e ha scoperto che le donne hanno abilità più solide degli uomini.

 

Cosa hanno le donne in più degli uomini
La relazione di Brookings Institution , intitolata “Digitalizzazione e forza lavoro americana”, ha esaminato le “informazioni sulle conoscenze, abilità, strumenti e tecnologia, istruzione e formazione, contesto lavorativo e attività lavorative necessarie” per posti di lavoro ad alta tecnologia e ha riscontrato nelle donne un punteggio in ambito digitale di 48 contro i 45 degli uomini.

In quali ambiti le donne sono migliori degli uomini
Nonostante questa maggiore attitudine, afferma il rapporto, più uomini che donne stanno ricoprendo i ruoli digitali di più alto livello in “computer, ingegneria e management, così come occupazioni a basso contenuto digitale come i trasporti, l’edilizia, le risorse naturali e l’edilizia.”

Le donne sono migliori degli uomini nel digitale, ma la loro occupazione scende
Si tratta di una problematica nota, e lo sappiamo bene perché ogni anno assistiamo alla sfilata de i rapporti sulla diversità in ambito tecnologico che mostrano la quota delle donne nel totale degli occupati scendere al di sotto del 30 per cento in ruoli tecnici e assottigliarsi ulteriormente nelle posizioni dirigenziali e di leadership.
“Mentre la digitalizzazione offre opportunità significative ai lavoratori o ai gruppi meno istruiti o storicamente emarginati per passare più in alto nella scala occupazionale, troppo pochi sembrano aver fatto progressi”, dice il rapporto.

output immagine 150x150

ItalianDigitalRevolution


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *