“L’Alveare che dice Sì!” arriva a Milano: nuovo modello di spesa tra i consumatori attenti ai prodotti e ai volti di chi li produce

//   19 dicembre 2015   // 0 Commenti

1

2 Cascina Gabana Cassano dAdda 300x225

Cascina Gabana, Cassano d'Adda

Mercoledì 16 dicembre  alle ore 1930 all’Impact Hub di via Paolo Sarpi 8 a Milano  è avvenuta la prima distribuzione di prodotti acquistati grazie alla piattaforma di Alveare che dice Sì! Per l’occasione si è tenuto un aperitivo inaugurale con degustazione e showcooking utilizzando la materia prima offerta dai produttori dell’Alveare. E’ nuovo modello di spesa che sembra vuole far presa tra i consumatori costantemente attenti ai prodotti e ai volti di chi li produce.

3 Olmo Tomas chef 300x225

Olmo Tomas, chef

Durante la serata lo chef napoletano Olmo Tomas, classe ’84, ha utilizzato alcuni dei prodotti acquistabili online che i fornitori metteranno a disposizione per i membri della community e per gli interessati a diventarlo.

5 Davide Stocco Az. Agr. Eredi Cerutti Stocco e1450560052400 225x300

Davide Stocco, Az. Agr. Eredi Cerutti Stocco

Tra i prodotti: la carne suina  di Cascina Lassi,  la carne bovina di Cascina Bordona, i formaggi di Cascina Gabana, latte e yogurt dell’Azienda agricola Zipo, anatre, oche e pollame dell’Azienda Agricola Altrocchi, lo zafferano di Mastri Speziali, la birra artigianale del birrificio Railroad Brewing, la frutta e verdura degli Orti Sociali di Voghera, i dolci e biscotti del Forno in Collina e i salumi e il pane a lievitazione naturale dell’Azienda Agricola Cremona.

4 Andrea Muscarà di Mastri Speziali e1450559943887 225x300

Andrea Muscarà di Mastri Speziali

Non solo. Per chi avrà già acquistato merce online sarà possibile ritirarla, conoscendo personalmente i produttori. L’appuntamento con la distribuzione, dal 17 dicembre in poi, avverrà ogni due settimane, sempre presso Impact Hub Milano, ogni mercoledì dalle 18.30 alle 19.30.

“Siamo uno spazio di coworking e un incubatore di startup innovative a vocazione sociale in cui chi vede la sostenibilità come opportunità d’innovazione e crescita sviluppa progetti e dà vita a imprese ad impatto sociale e ambientale. Ogni settimana è possibile reperire prodotti buoni, frutto di un’agricoltura sana e di qualità. Il tutto incontrando i produttori e sostenendo l’agricoltura locale”, spiega il Gestore dell’Alveare Stefania Marucci.

Oltre l’Impact Hub di Milano anche altre aperture in Lombardia: il 10 dicembre Alveritivo Brescia presso il Bistrot popolare il cui Gestore è Helga Ravelli e il 19 dicembre Alveritivo Milano in ADEC gestito da Vincenzo Russo. Inoltre sono ben 7 gli Alveari in costruzione su tutto il territorio lombardo.

518 300x225L’Alveare che dice Sì! è uno strumento di vendita online che fornisce il suo aiuto al circuito della filiera corta e che in Italia arriva nel Novembre 2014 con l’apertura del primo Alveare a Torino. Il sito internet particolarmente innovativo, favorisce gli scambi diretti tra i produttori locali e le comunità di consumatori che si ritrovano ogni settimana in un piccolo mercato a km 0.

Dietro ad ogni Alveare c’è un Gestore, associazione o privato cittadino che partecipa allo sviluppo locale, economico e sociale.
Il processo di acquisto è molto semplice: i Membri ordinano i loro prodotti on-line e li ritirano nell’Alveare di quartiere durante le distribuzioni. Ad oggi già 18 Alveari sono attivi o in costruzione in tutta Italia.

Foto  © copyright Masha Sirago/ReportersAssociati&Archivi, mashasirago@gmail.com

 

 

 

 


Tags:

Impact Hub

L'Alveare che dice Sì!

Masha Sirago

milano


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *