La visione olistica promuovere uno stile di vita tra natura e bio-chimica

//   8 gennaio 2016   // 0 Commenti

università pop.arezzo2Domenica 20/12 si è svolto ad Arezzo il Convegno di Medicina Integrata dal titolo “Sommatoria: Salute e Benessere tra Natura e Bio-Chimica”. L’evento è stato promosso dall’Università Popolare di Arezzo, Istituto di Alta Formazione Professionale, riconosciuto dal Ministero della Pubblica Istruzione per il corsi triennale di Naturopatia e quadriennale di Medicina Naturale. Il comitato scientifico del convegno, presieduto da Guido Paoli, si proponeva l’obiettivo di promuovere una nuova metodica di approccio sanitario tra Medico e Paziente, con scopo finale di avere una visione olistica integrata. Molto importanti, in merito, le parole del Presidente Giuseppe Sabato “Ricordatevi sempre che i protagonisti non siete voi, ma i vostri pazienti. Sono loro che devono essere al centro di ogni attenzione”. La platea, formata da oltre 100 partecipanti appartenenti ad ogni categoria Sanitaria, uscendo dal convegno dopo un’intensa giornata di lavoro, è tornata a casa più che soddisfatta, definendo l’evento innovativo per quanto riguarda i contenuti e persino rivoluzionario tenendo conto del grande spazio lasciato agli interventi dei partecipanti. Momenti che hanno costruito un clima di grande partecipazione e interesse, senza lasciare pause a chi ha preso parte ai lavori. Ottimi sono stati i giudizi anche sui relatori, tra cui hanno preso parte figure di spicco come la Dr.ssa Becker, il prof. De Ieso, il Prof. Guido, Paoli, Il Prof. Turchetti, la Prof. Bichi, la prof. Aloisi, interventi moderati dal Dott. Giancarlo Caroli. In conclusione del convegno i messaggi principali sono stati rivolti alla qualità della vita del paziente; le terapie integrate hanno enormi potenzialità, il compito dei presenti è di divulgarle per permettere alle persone di avvicinarsi a questa disciplina e di poterne usufruire in caso di necessità. Per fare tutto questo è necessario mettersi in gioco, come ha fatto il Dott. Caroli, una vita trascorsa nei reparti dell’Ospedale Rizzoli di Bologna e nella Medicina Allopatica, e che adesso lancia questo messaggio “ho voglia di imparare qualcosa di nuovo, che non conoscevo”…come il pubblico presente.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *