La tassa di soggiorno non verrà introdotta a Cesenatico

//   28 gennaio 2012   // 0 Commenti

TFMF x03zawjas2llvrryagpb1nid 5e21e506 a04e 4582 afac cbb5e1e52e7d 0   Selected 300x123La tassa di soggiorno non verrà introdotta a Cesenatico”. Il Sindaco Buda comincia così il suo intervento sull’argomento. Con fermezza e precisione afferma: “fin dalla campagna elettorale di maggio dello scorso anno mi sono impegnato personalmente e con la mia coalizione a trovare forme alternative all’introduzione della tassa di soggiorno. E’ tutto scritto nel programma e verrà rispettato. Non metteremo la tassa di soggiorno a Cesenatico. Mi associo con fermezza al documento del 12 gennaio di Confcommercio Emilia-Romagna sottoscritto anche da Federalberghi, Fiata, Fiavet e Fipe cioè le sigle che lavorano nel campo turistico. Proprio come dice il documento ritengo che la tassa di soggiorno sia antituristica, antieconomia ed antisviluppo. Esistono i margini per muoversi in altra direzione. Grazie alle nuove misure introdotte con il decreto “Salva Italia” è possibile per il Comune chiudere il Bilancio in pareggio senza introdurre nuovi oneri sul turismo. Inoltre le Associazioni di categoria hanno in più occasioni espresso la contrarietà alla Tassa di soggiorno e il compito dell’Amministrazione, ed il mio in particolare come Sindaco, è quello di ascoltarli. Invito tutti i Comuni della costa a ragionare sull’argomento e seguire l’esempio di Cesenatico.”


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *