La Romania verso un probabile bipolarismo

//   29 settembre 2011   // 0 Commenti

miscarea-populara1 copy

 

Sulla spinta di quanto avvenuto nel febbraio scorso quando i partiti di sinistra-centro si riunirono sotto la sigla dell’USL, in questi giorni sulla forte spinta del presidente Basescu si sta iniziando a discutere di un’operazione simile nello schieramento di centro destra. L’alleanza, che secondo le intenzioni iniziali non sarà solo elettorale, dovrebbe chiamarsi Miscarea Populara e dovrebbe essere un nuovo polo di aggregazione per tutte quelle forze liberl-democratiche, per la società civile, il mondo della impresa che dovrà cercare di fornire una nuova piattaforma programmatica al paese.

La necessità di costruire questo tipo di formazione viene accentuata sia dalla nuova legge elettorale che prevede un turno singolo sia dalla volontà dei partiti dell’USL di presentarsi uniti alle prossime elezioni e che secondo i sondaggi possono già contare su oltre il 43% del gradimento popolare.

All’interno della coalizione di maggioranza si stanno definendo quali saranno i pilastri ideologici del nuovo raggruppamento che secondo le intenzioni dovrebbe ricalcare  l’idea del Partito Popolare Europeo al cui interno sono presenti diverse sensibilità pur sempre mantenendo il denominatore comune di una visione liberale e cristiana della società.

Ad oggi la soluzione di Miscarea Populara appare l’unica alternativa che possa avere una qualche chance di competere e vincere nelle due tornate elettorali del 2012 potendo contare su una base di gradimento popolare vicina al 40% tenendo in considerazione che le elezioni politiche e quelle amministrative quasi sicuramente verranno accorpate in una singola data nel prossimo autunno.

Molto dipenderà da come verrà costruita l’alleanza e quali saranno gli innesti provenienti dalla società, dal mondo accademico e della cultura senza dimenticare l’apporto fondamentale del mondo imprenditoriale. Se prevarrà l’idea di effettuare un solo re-branding del PD-L allora l’operazione sarà destinata a fallire ancor prima di nascere, se invece si saprà dar vita ad un vero contenitore aperto alle diverse idee e proposte probabilmente sarà un progetto che incontrerà il favore della gente. Il progetto non sembra di facile attuazione ma si deve avere il coraggio di innovare e di proporre ricette nuove e sostenibili per il definito rilancio del paese nello scacchiere europeo e globale.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *