L’Apillola del giorno dopo: numero 2

//   3 settembre 2012   // 1 Commento

juven

La seconda giornata della Serie A italiana regala il 50% in più delle reti viste nell’esordio: ben 34! Saranno 6 le vittorie interne, 3 quelle in trasferte: soltanto Cagliari e Atalanta si divideranno equamente il bottino.

Strepitosa la vittoria della Roma al Meazza, si confermano Napoli, Lazio e Sampdoria mentre dilaga la Juventus. E’ già crisi per Udine, Pescara e Palermo.

Ecco tutte le partite nel dettaglio, ordinate (come di consueto) a seconda della quota del risultato esatto:

CAGLIARI-ATALANTA   1-1 (quota 5.75): “Sbaglio l’insbagliabile”

La prima mezz’ora sembra l’apocalisse bergamasca: Schelotto abbandona il campo dopo soli 15 minuti (infortunato), mentre l’arbitro fischia 2 rigori contro ed espelle Peluso (doppia ammonizione). L’eroe di giornata si chiama però Consigli: il portiere dell’Atalanta neutralizza prima il rigore di Larrivey e, dopo soli 7 minuti, anche quello di capitan Conti; mancano 20 minuti alla fine di una gara senza spettatori quando succede di tutto: Consigli esce infortunato, Denis porta in vantaggio l’Atalanta ma il Cagliari raggiunge un meritato pareggio al 90°! Non saprei a chi dare la medaglia della sfortuna: peggio 2 infortuni e 1 espulsione o fallire 2 rigori? Un applauso all’Atalanta che, in 10 uomini per un’ora, sfiora persino l’impresa. Che dire del Cagliari? Alle volte è meglio un cucchiaio…chiedere a Maicosuel! Se il Cagliari dovrà affrontare il Palermo, al ritorno dalla pausa, l’Atalanta sarà ospite del Milan al San Siro.

NAPOLI-FIORENTINA   2-1 (quota 8.00): “Non cresce l’erba”

D’accordo, l’estate non è ancora finita…ma giocare sulla sabbia non è nè bello nè da Serie A: campo inguardabile! A sorpresa è la Fiorentina a dominare il primo tempo che, tuttavia, si conclude a reti inviolate. Un buon caffè napoletano risveglia i tenori partenopei al rientro dagli spogliatoi: dopo soli 8 minuti i padroni di casa (di spiaggia in questo caso) passano in vantaggio sfruttando 2 calci piazzati; Hamsik trova la deviazione vincente su punizione dello strabiliante Insigne, mentre Dzemaili (al 75°) segna da fuori area raccogliendo una corta respinta della difesa toscana, in affanno sul calcio d’angolo. A pochi minuti dal triplice fischio, Jovetic accorcia le distanze rendendo meno amara la sconfitta (immeritata) e raggiungendo quota 3 nella classifica cannonieri. Un Napoli cinico vince senza esaltare, ottimo Insigne; la Fiorentina paga a caro prezzo la scarsa concretezza in fase offensiva: si attende con ansia il ritorno di Toni, se non è troppo tardi…Al rientro dalla pausa entrambe le squadre giocheranno in casa: il Napoli contro il Parma e la Fiorentina contro il Catania.

SAMPDORIA-SIENA   2-1 (quota 8.25): “Tre legni e tre goal”

Parte bene la formazione di casa che mangia un paio di goal con Eder. L’esordio nel Siena di Zè Eduardo non sortisce i frutti sperati e così la conclusione più pericolosa è affidata ai piedi del terzino Del Grosso che impegna seriamente Romeo. Mentre il Siena pensa già al secondo tempo Maxi Lopez regala il primo goal stagionale al tifo di Marassi. Il secondo tempo continua a vedere i doriani in pieno controllo del match: la punizione di Eder, deviata dalla barriera, si stampa però sul palo e poco dopo Gastaldello gela lo stadio atterrando Calaiò in area di rigore: il penalty è netto così come pieno è il palo colto da Calaiò…ci pensa dunque il capitano Vergassola a ribadire in rete il rigore fallito. Nel giro di 5 minuti lo stesso Gastaldello si fa perdonare insaccando di testa il traversone di Obyang per il definitivo 2-1. Sul finale il neo-acquisto Maresca legittima il vantaggio cogliendo il terzo legno della serata, direttamente da punizione. Oltre a Juventus, Napoli e Lazio, è la Sampdoria l’unica squadra a punteggio pieno (sebbene in realtà paghi un punto di penalizzazione): dopo le vittorie di misura su Milan e Siena, la 3° giornata riserva la trasferta abruzzese. Dopo essere rimasta a secco nell’esordio con il Torino, il Siena prova anche a sbagliare un rigore, pur di non far punti! Più che Rosina…servirebbe un’altra rosa: al ritorno dalla pausa i toscani ospiteranno un Udinese a caccia dei primi punti.

PARMA-CHIEVO   2-0 (quota 8.50): “crdudo o cotto il Parma ha fatto il botto”

Al contrario di quanto visto nelle prime gare (e di come io stesso avevo pronosticato), è il Parma ad essere pericolo mentre il Chievo resta impietrito a guardare: così dopo una mezz’ora di monologo emiliano, il 20enne Belfodil (all’esordio in Serie A da titolare) porta in vantaggio la squadra di casa ringraziando l’ottima assistenza di Galloppa. La reazione del Chievo è blanda se non inesistente: l’unico vero pericolo lo crea il solito Pellissier, mentre Cruzado è evanescente. Sul finale il Chievo si getta in avanti alla disperata ricerca del pareggio ma Rosi (appena entrato) raddoppia in contropiede. Il Parma ha giocato un’ottima partita, rischiando poco e vincendo meritatamente: la prossima di campionato sarà nella spiaggia del San Paolo. Il Chievo ha cancellato quanto di buono aveva fatto vedere nella gara d’esordio, dimostrando ancora una volta (se ce ne fosse il bisogno) l’importanza del c.d. fattore-campo: nella prossima giornata ospiterà la Lazio.

LAZIO-PALERMO   3-0 (quota 13.00): “AAA: Palermo cercasi”

Inizia bene il Palermo intenzionato a cancellare la deludente prestazione della scorsa giornata. La Lazio fatica a svegliarsi ma a 5 minuti dalla fine del primo tempo trova il vantaggio: Gonzalez sfrutta lo svarione difensivo dei rosa-nero e regala l’assist all’infallibile Klose. Nel secondo tempo i biancocelesti trovano maggiori spazi e Candreva regala una perla da oltre 30 metri ai tifosi della Nord. Il capolavoro balistico, però, non chiude il match: il Palermo prende confidenza e si fa pericoloso in più occasioni, senza mai trovare una (pur) meritata rete. Così all’ 83° Lulic crossa dal fondo e Klose segna la sua prima doppietta stagionale. La Lazio sembra migliorare di partita in partita ma manca ancora l’esame con una grande squadra…solo allora potremo rispondere alla domanda che angoscia Mediaset: dove vuoi arrivare Lazio? Con il Chievo il prossimo “esonero”. Il Palermo è, con il Pescara, l’unica squadra di Serie A a non aver ancora segnato; inoltre, proprio come gli abruzzesi, ha incassato 2 sonore sconfitte (entrambe per 0-3) in altrettante partite disputate: l’impressione è che, tolti 2-3 giocatori, la squadra sia di/da Serie B. Il prossimo turno vedrà il Cagliari al Barbera.

TORINO-PESCARA   3-0 (quota 14.00): “Un Toro di leoni”

Le mie aspettative vengono subito smentite dall’atteggiamento tattico del Pescara: rintanato in difesa, incapace di uscire palla al piede, rinuncia praticamente ad offendere…Il Torino mette in campo un monologo che al 27° lo premia con un calcio di rigore e con l’espulsione di Terlizzi, più che giusta: il capitano Rolando Bianchi si fa neutralizzare il tiro dagli 11 metri dal portiere Perin, ma la partita è ormai segnata. Il Pescara è costretto a sostituire una punta e la sua, già scarsa, pericolosità si spegne definitivamente: al 34° Sgrigna segna il vantaggio granata. Nel secondo tempo il Toro chiude la partita con un rapido “uno-due”: Brighi segna al 59° mentre “Rolandinho”, 4 minuti dopo, si riscatta dal rigore fallito, siglando il definitivo 3-0, che non lascia spazio all’immaginazione: un buon Torino sfrutta al meglio il “fattore-campo”, un pessimo Pescara cancella tutto ciò che di buono aveva fatto vedere nell’esordio: subire 6 goal senza segnarne nemmeno uno…non è certo un buon risveglio per l’alba adriatica. Il 16 settembre il Torino ospiterà l’Inter mentre il Pescara attenderà la Sampdoria.

BOLOGNA-MILAN   1-3 (quota 15.50):

Il protagonista assoluto del match è Pazzini, sebbene non abbia compiuto chissà quale impresa: è lui che si guadagna un generoso rigore che poi trasforma, è sempre lui che sfrutta l’assurda papera del portiere Agliardi quando ormai sembrava l’1-1 il risultato finale; è ancora lui che chiude il match con una “pazzia” di tacco, questa si…degna di nota! Il Bologna esce a testa alta dallo stadio, il pareggio (raggiunto su rigore da Diamanti al 42°) sarebbe stato più che meritato: sia per la pochezza dei rossoneri che per la convinzione messa in campo dagli emiliani. Diamanti si conferma il migliore dei rosso-blu mentre Gilardino scalpita in panchina ma quando entra non riesce a segnare il goal dell’ex…Dopo la pausa il Milan, che non meritava affatto la vittoria, ospiterà l’Atalanta, mentre il Bologna dovrà affrontare la Roma in trasferta.

INTER-ROMA   1-3 (quota 23.00): “Torna il calcio spettacolo”

La Roma schiera un tridente davvero invidiabile mentre l’Inter si affida all’esperienza di Milito e Cassano. I giallo-rossi imprimono subito un buon ritmo alla gara e passano in vantaggio con la prima azione pericolosa: al 15° Totti pennella un cross per la testa del giovane Florenzi. Già al 32°,però, De Rossi è costretto ad uscire per infortunio (al suo posto Marquinho) e la Roma concede campo ai nerazzuri che raggiungono un meritato pareggio con un tiro di Cassano sporcato da Burdisso. Nel secondo tempo la Roma si fa spettacolare e cinica: al 67° ancora Totti spalanca un’autostrada al compagno Osvaldo che, forse per emularlo, beffa Castellazzi con un delizioso cucchiaio. L’Inter si demoralizza definitivamente, ci prova con Guarin ma al 81° è Marquinho a chiudere il match con un tiro da posizione davvero defilata. La Roma è veloce, fantasiosa e divertente; l’Inter mi sembra troppo lenta in attacco e troppo oscena in difesa: nelle ultime 3 gare disputate in casa ha incassato ben 8 goal, racimolando la miseria di 1 punto! Nella 3° giornata di campionato l’Inter affronterà il Torino mentre la Roma ospiterà il Bologna.

CATANIA-GENOA   3-2 (quota 26.00): “pioggia e goal a gogò”

Come avevamo previsto, è questa la gara più ricca di goal della domenica sera: al Massimino le reti fioccano come la pioggia, davvero insistente. Il Catania è subito aggressivo ma davvero sciupone, così alla prima occasione buona il Genoa colpisce con Kucka, ben assistito da Immobile che con il suo nome contagia la difesa etnea…Il primo tempo si conclude abbastanza clamorosamente con il vantaggio degli ospiti, ma il Catania non ci sta. Come nel primo tempo, il goal arriva al 20°; in soli 2 minuti Bergessio prima pareggia e poi ribalta il risultato: è 2-1 Catania! Borriello sostituisce un evanescente Vargas (appena comprato dalla Fiorentina) ma è Jankovic a firmare il momentaneo 2-2 con una conclusione dalla distanza degna di un cecchino, ma la gioia dura poco: passano solo 2 minuti e Lodi chiude il match con una punizione che non lascia scampo a Frey. Il Catania và a riposo con 4 punti, ma i 4 goal subiti in appena 2 partite dovrebbero far riflettere…specie all’indomani della trasferta di Firenze. Il Genoa non ha giocato male ma la difesa è abbastanza preoccupante, buona invece la forma di Immobile che già nella prossima gara sfiderà la “sua” Juventus…

UDINESE-JUVENTUS   1-4 (quota 31.00): “Giàvinco”

La copertina della settimana è dedicata alla goleada della Juventus: vittoria abbastanza prevedibile, non come il numero dei goal…Già da subito si capisce che la partita sarà a “senso unico”, ma la vera svolta giunge al 12° quando Giovinco viene “abbattuto” da 3 giocatori dell’Udinese nell’area di rigore: il rigore è secondo me inevitabile, non il cartellino rosso mostrato al portiere Brkic: al suo posto entra Padelli ma Vidal non fallisce (come nella prima di campionato). La partita diventa così un monologo juventino: al 45° Vucinic trova un meritato raddoppio. Nella ripresa il copione non cambia: la Juventus fa la partita mentre l’Udinese non è in grado di reagire. Dopo soli 8 minuti del 2° tempo, il nuovo portiere friulano perde clamorosamente un pallone e Giovinco ne approfitta, troverà la doppietta al 70ç. Lo 0-4 è troppo umiliante e così l’Udinese realizza il goal della bandiera con Lazzari. La Juventus viaggia indisturbata verso la pronosticata vetta; per l’Udinese è l’inizio della fine. Dopo la pausa entrambe le 2 formazioni bianconere giocheranno in trasferta: l’Udinese a Siena e la Juventus contro il Genoa.

I MIGLIORI:

-Sgrigna: esordire a 32 anni in Serie A e farlo con un goal ed un assist, che vuoi di più dalla vita (calcistica, si intende)?

-Pazzini: di rapina o no, i suoi goal sono 3…dire che è stato solo fortunato equivarrebbe a sputare sulla carriera di Pippo Inzaghi, che della rapina ha fatto la sua fortuna!

-Consigli: ci sono portiere che non parano 2 rigori neanche nell’arco di una vita…lui lo fa in 7 minuti!

-Bergessio: doppietta di rapina, ma pur sempre doppietta!

-Tutta la Roma: perchè citarne uno solo vorrebbe dire escluderne una dozzina.

-Klose: 34 anni e non sentirli; quando segna lui segna tutto il Calcio.

-Insigne: manca ancora la rete, ma se continua così non mancherà a lungo!

-Giovinco: dopo lo scontro con Brkic credevo lo ricoverassero di urgenza, lui invece segna una doppietta e convince tutti che non esistono altri titolari.

I PEGGIORI:

-Stroppa: l’allenatore del Pescara sarà anche alla sua prima esperienza in Serie A (prima aveva solo allenato squadre di Lega Pro), ma i suoi 11 non girano come dovrebbero; la difesa gioca alle belle statuine mentre l’attacco non effettua nemmeno un tiro in porta.

-i rigoristi del Cagliari: sbagliare è umano ma perseverare è diabolico…fortuna che i tifosi non hanno potuto assistere!

-la difesa del Palermo: Cetto, Pisano, Von Bergen e Garcia…ma gli avranno detto che la vacanza è finita?!

-il campo del San Paolo: le ferie sono finite ma la voglia di mare rimane? Sabbia in campo: non un’ottima idea!

-l’Udinese: peggiore inizio sarebbe davvero difficile da ipotizzare e dunque resta la magra consolazione…peggio non può proprio andare!

PROSSIMO TURNO:

Il campionato di Serie A effettuerà una breve sosta in vista delle partite della nazionale italiana, valide per le qualificazioni ai prossimi Mondiali del 2014 in Brasile. Venerdì 7 Settembre la squadra di Prandelli volerà in Bulgaria, mentre l’11 settembre la città di Modena, come gesto di solidarietà nei confronti dell’Emilia post-terremoto, ospiterà la nazionale di Malta.

La 3° giornata di Serie A si giocherà dunque Domenica 16 Settembre:

Chievo-Lazio

Fiorentina-Catania

Genoa-Juventus

Milan-Atalanta

Napoli-Parma

Palermo-Cagliari

Pescara-Sampdoria

Roma-Bologna

Siena-Udinese

Torino-Inter

CLASSIFICA

6   JUVENTUS

6   NAPOLI

6   LAZIO

5   SAMPDORIA

4   ROMA

4   CATANIA

3   TORINO

3   GENOA

3   INTER

3   MILAN

3   FIORENTINA

3   CHIEVO

3   PARMA

1   CAGLIARI

0   UDINESE

0   BOLOGNA

0   PALERMO

0   PESCARA

-1  ATALANTA

-5   SIENA

CLASSIFICA MARCATORI

3: Pazzini, Jovetic;

2: Bergessio, Giovinco, Klose, Hamsik, Osvaldo.

 

Arrivederci alla prossima giornata…


Articoli simili:

1 COMMENT

  1. By Maria Teresa, 19 luglio 2019

    Ottimo articolo che ha permesso anche a chi non ha potuto seguire le partite
    di gustare le sequenze ed i risultati in maniera chiara ed esauriente bravo
    Apicella che ci permetti tutto questo! Condivido tutto di questa cronaca.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *