La Mitteleuropa secondo Zhang Xian, in Auditorium

//   23 maggio 2017   // 0 Commenti

zhang-xian-come-oggetto-avanzato-1

Torna sul podio dell’Auditorium di Milano la “bacchetta” cinese che guida laVerdi nel segno di Mozart e Mahler, con le voci soliste di Carina Vinke e Lorenzo Decaro

CARINA VINKE 3465 242x300

Carina Vinke, contralto

Torna alla guida de laVerdi Zhang Xian, per sette anni direttore musicale in largo Mahler, ora al vertice della New Jersey Symphony Orchestra. L’acclamata “bacchetta” sino-americana, che ha scelto Milano come “base” europea per la sua nutrita attività internazionale, dirigerà l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi in un doppio aspetto della grande produzione mitteleuropea, a cavallo di tre secoli.

DECARO3 300x258

Lorenzo Decaro, tenore

La locandina del triplice appuntamento con la grande musica – giovedì 25 (ore 20.30) venerdì 26 (ore 20.00) e domenica 28 maggio (ore 16.00) – all’Auditorium di Milano, si apre infatti con La Sinfonia n. 25 di Mozart, composta a Salisburgo nel 1773: uno dei brani resi celebri dal film Amadeus di Miloš Forman. Seconda parte del programma nel segno del boemo Gustav Mahler, con il celeberrimo Das Lied von der Erde (Canto della terra) affidato alle voci degli specialisti Carina Vinke (contralto) e Lorenzo Decaro (tenore).

Programma

Protagonisti della locandina due lavori particolarmente significativi, che in un certo senso rappresentano le ali con le quali due grandi compositori mitteleuropei di epoche differenti – Mozart e Mahler –   hanno spiccato il volo verso uno stile personale, sincero, a lungo ricercato, consentendo alla loro anima più autentica di esprimersi compiutamente. La Sinfonia n. 25 di Mozart, composta a Salisburgo nel 1773, appare come una brusca svolta rispetto alle precedenti, che si apre sin dalle prime note a una nuova poetica impulsiva e passionale. È uno dei brani di Mozart resi celebri presso il grande pubblico dal film Amadeus di Miloš Forman (1984).

Passando alla seconda parte del programma, Das Lied von der Erde di Mahler, ovvero Il canto della terra – Una sinfonia per voce di tenore, voce di contralto (o di baritono) e orchestra, da «Il flauto cinese» di Hans Bethge, composto tra il 1908 e il 1909, è un ciclo sinfonico di Lieder per voci soliste e orchestra in cui il compositore riesce nell’intento di sublimare perfettamente Lieder e Sinfonia. Testo e musica creano simmetrie; il volto intimistico dell’opera risiede tanto nella musica quanto nei testi che, a dispetto o forse proprio in virtù della loro antichità (VII-X secolo), sono ancora oggi densi di profonda umanità, espressione di un’empatia vicina a qualsiasi ballad moderna.

Info: (Biglietti: euro 36,00/16,00; info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler, orari apertura: mar/dom, ore 10.00/19.00, tel. 02.83389401/2/3; on line: www.laverdi.org o www.vivaticket.it ).

Masha Sirago, ph principale  © copyright Masha Sirago/ReportersAssociati&Archivi, mashasirago@gmail.com


Tags:

Auditorium

Carina Vinke

concerto

LaVerdi

Lorenzo Decaro

Masha Sirago

milano

music

musica classica

Zhang Xian


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *