La Fondazione Campanella vince il ricorso – Regione in tilt

//   5 febbraio 2016   // 0 Commenti

La Regione Calabria condannata al pagamento di 81 milioni per mancato rispetto della convenzione.
untitled21
Secondo la tesi dell’avvocato difensore della Fondazione Valerio Donato, l’importo dovuto dalla Regione sarebbe stato vicino ai 175 milioni di euro, ma per i giudici il diritto ad ottenere alcuni degli importi richiesti risulterebbe ormai prescritto. ha infatti accolto parzialmente il ricorso del polo oncologico universitario di Catanzaro relativo alla mancata o minore corresponsione da parte della Regione delle somme concordate nello stato costitutivo della Fondazione e nella convenzione con essa stipulata.
Nonostante i problemi finanziari, infatti, l’ente era riuscito a concordare la chiusura dei contenziosi con il pagamento di 29 milioni di euro a fronte di un debito reale di 174,5 milioni di euro. Quell’importo, nonostante l’impegno della Regione, sancito nella delibera 395 del 6 ottobre 2014 dalla giunta guidata dalla presidente facente funzioni Antonella Stasi, non venne mai erogato perché senza copertura finanziaria, chiudendo di fatto ogni possibilità di saldare gli accordi con i creditori e spalancando così le porte del fallimento.
Così, dopo il fallimento della “Campanella” arriva oggi un pronunciamento che è destinato a creare scompiglio e getta un’ombra pesante sulle reali cause che hanno portato all’estinzione dell’ente, facendo sorgere il dubbio che il fallimento della “Campanella” sia stato determinato proprio dal mancato pagamento delle spettanze.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *