La camorra ringrazia i magistrati

//   17 settembre 2011   // 0 Commenti

scena de Il Padrino 2

”Ma vuie penzate che bellezza, don Rafaé. A Napule ci sta, con rispet­to parlando, a’ Camorra, ci stanno tand ‘e mariùle, spacciatòr, ricettatòr, guap­pe e lazzarùne, falsi invalidi e finti lavo­ratori in falsa malattia, ci sta da indaga­re perché è ridotta ‘na fetenzìa e chi l’ha ridotta, con tutta chista munnezza e ‘sta bella delinguenza. A Napule, dicono pure alla televisio­ne, c’è tanda illegalità, tanda criminali­tà, tanda infamità. Prima pagina venti notizie ventuno ingiustizie. Qui ci stà l’inflazione, la svalutazione e la borsa ce l’ha chi ce l’ha. E i tutori della Legge stan­no tutti presi a dimustrà che Berlusco­on pagava- coi soldi suie- duie ‘nzivuse pe’ fasse purtà i’ zoccole aumm aumm. Migliaia di processi aspettano da ‘na vita, tanda ggente chiagne ggiustizia a Napule, la città è ‘na chiavica, ma o’ Ca­valiere addà lassà o’ govern, l’Italia, l’Europa, e adda venì currenne a Napu­le nanz ai ggiudici pe’ raccuntà de zoc­cole e pappun, quann’ spenneva e com­me trumbava co’ e’ uagliùne. Eccheè, nu’ terremot: ‘ntercettaziòn, ‘nvestigaziòn, dichiaraziòn, convoca­ziòn, mobilitaziòn.

Maronna mia, man­co pe’ vuie, don Rafaè, fecero accussì tanta ammuìna, spesero tanda terrise e misero tanta ggente appresso, puliziot­ti, carabbinieri, finanzieri, cangellieri, giudici, ‘nfamoni. Meno male che s’hann fissate cu’ Ber­luscoon, accussì nuie stamm’ bell’e tranguille e faccimme i’ cazze nuoste. A che bell’ò cafè pure in carcere ‘o san­no fa, co’ à ricetta ch’à Ciccirinella com­pagno di cella ci ha dato mammà”. ( cita­zioni da don Rafaè di Fabrizio de An­drè).


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *