L’ironia, la profondità e la leggerezza del “Cabaret Yiddish” di Moni Ovadia a Padova

//   14 marzo 2012   // 0 Commenti

moni ovadia2 300x274Giovedì 26 aprile, nell’ambito della manifestazione ITALIA, BELLA CIAO, Moni Ovadia salirà sul palco del Gran Teatro Geox con lo spettacolo Cabaret Yiddish. L’evento, organizzato in collaborazione con il PD della città di Padova e con i Giovani Democratici, è un modo intelligente per stare insieme in occasione di una ricorrenza significativa come la Festa della Liberazione. Cabaret Yiddish è un viaggio d’esplorazione nella cultura delle ebraica delle origini, con musica klezmer e cliché su nasi lunghi e avidità, semplice ed efficace, nel quale il pubblico si trova a proprio agio, anche se non capisce la lingua delle canzoni, anche se conosce solo una parte della storia, forse quella più oscura, più triste. Al centro di una scena nuda, riempita solo da quattro musicisti, il cantore inizia, senza troppi preamboli, la sua storia con un sorriso. Un sorriso antico ed esperto, di chi fin dall’alba dei tempi ha dovuto sfruttare l’ironia per far fronte alle proprie disgrazie e ha saputo riciclare aneddoti e storielle per forgiare una sagace oratoria in risposta al razzismo e alle calunnie.  Proprio attraverso le singole «storielle» che accomunano per stereotipo ogni ebreo, Moni Ovadia è capace di far ridere il suo pubblico, ma al contempo di fare emergere quel fondo di verità tipicamente popolare per spiegare i cardini della cultura ebraica, sempre sul filo dell’ironia.  Con la cifra stilistica che gli è propria, Moni Ovadia sceglie la leggerezza delle battute più sottili in contrasto con i racconti dei lager e dei soprusi, lasciando grande spazio alla musica, in cui persino il testo diviene pura sonorità. Passando senza soluzione di continuità dal fiume di parole al canto salmodiante, immerge la platea in una festa Yiddish coinvolgente, colorata nonostante l’effettiva sobrietà della scena, alla quale partecipano tutti i personaggi-tipo: l’emigrante povero che riesce a rifilare rotoli di spago a un razzista della Virginia, l’avido rabbino che polemizza con dio perché gli ha fatto trovare un tesoro proprio di sabato, il vecchio psicanalista che non si scompone nel ricevere per anni, tutte le mattine, uno sputo in faccia dal proprio collega e si parla di ebrei polacchi, americani, russi e tedeschi, di commercianti, di sarti, di analisti e rabbini, tornando così sui passi di «quel popolo eletto» sparso per il globo, ma unito dalla propria mastodontica cultura.

CABARET  YIDDISH di e con MONI  OVADIA. Violino   MAURIZIO DEHO’, Clarinetto PAOLO ROCCA, Fisarmonica   ALBERT FLORIAN MIHAI, Contrabbasso   LUCA  GARLASCHELLI, Suono MAURO PAGIARO

I biglietti sono in vendita a partire da € 17,50 (ridotto bambini 7-10 anni € 5) online al sito www.granteatrogeox.com e presso Coin Ticket Store Padova e Treviso, la biglietteria del Gran Teatro Geox (dal lunedì al venerdì dalle 1330 alle 1930 tel. 0490994614) Primi alla Prima (banca del Veneziano, bcc venete e casse Rurali Trentine), Unicredit, Cariveneto, HappyTicket e Ticketone.

Per informazioni www.granteatrogeox.com – www.zedlive.com

Infoline 049/8644888

 


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *