Italia-Mongolia, Romani: “Si consolida partnership, al via accordi di collaborazione industriale”

//   18 ottobre 2011   // 0 Commenti

paolo romani

Roma, 18 ottobre 2011 – Agroindustria, tessile, lavorazione della pelle, energia e terre rare. Italia e Mongolia rafforzano la partnership economica attraverso un accordo di collaborazione industriale che è stato firmato dal ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani e dal Ministro mongolo per l’Agricoltura e Industria leggera, Tunjin Badamjunai alla presenza del presidente della Repubblica della Mongolia, Tsakhiagiin Elbergdori, e del Ministro degli Esteri mongolo, Gombojav Zandanshatar.

Il memorandum siglato è il follow up della missione che Romani ha svolto a Ulan Bator lo scorso settembre, la prima di un ministro italiano in Mongolia. Una missione apripista dei rapporti commerciali tra i due paesi che ha avuto come conseguenza anche la stipula di accordi siglati oggi tra la Simest e il Fondo mongolo per lo Sviluppo delle PMI per la costituzione di una società mista nel leasing e tra Assofoodtec (Associazione italiana costruttori macchine per la lavorazione alimentare) e la Mongolian Meat Association, per il miglioramento qualitativo dei prodotti alimentari mongoli di derivazione animale. Domani inoltre a Milano si terrà un business forum tra istituzioni e aziende dei due Paesi e verrà sottoscritta un’intesa tra l’Autorità Portuale di Genova e l’Amministrazione Marittima della Mongolia per collaborare nello sviluppo dei flussi commerciali mongoli, tramite il porto cinese di Tianjin.

“Sono molto soddisfatto del lavoro fatto verso un paese dalle enormi potenzialità di crescita e che guarda con forte interesse alla nostra economia – ha dichiarato il Ministro Romani – la Mongolia vuole infatti superare la sua storica dipendenza tra Russia e Cina ed è dunque fortemente interessata al know how delle aziende italiane. Da parte nostra, grazie al memorandum e al comune lavoro portato avanti dalle nostre strutture, abbiamo gettato le basi per rafforzare ancora di più la nostra partnership industriale ed economica”.

Nel 2010, l’Italia è stato il 3° partner commerciale UE dopo la Germania ed il Regno Unito. A livello globale, è il 5° cliente (dopo Cina, Canada, Russia e Regno Unito) e il 14° fornitore della Mongolia.

L’interscambio Italia –Mongolia ha ancora grossi margini di crescita: si attesta attualmente intorno ai 50 milioni di euro ed è concentrato nell’importazione di cachemire, cuoio conciato e lavorato, carne, e nell’esportazione di macchinari. Nei primi sei mesi del 2011 si è registrato un incremento del 32%, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ed un deciso aumento del nostro export che nel primo semestre dell’anno è cresciuto del 93,9%.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *