Intervista al neo sindaco del Pdl che ha espugnato Cesenatico. Una squadra operativa al servizio dei cittadini

//   14 luglio 2011   // 0 Commenti

Sindaco Buda

Roberto Buda è il nuovo sindaco di Cesenatico, ininterrottamente governato dalla sinistra fin dal Dopoguerra. Un risultato forse inaspettato ma di grande soddisfazione per un politico giovane che punta a voce all’impresa, al rispetto dell’ambiente, al sostegno dei più deboli e della famiglia.

Cesenatico al centro destra, una svolta storica , un segno forte negli anni inseguito, a volte sfiorato ma ora il risultato è raggiunto, quali le priorità del programma che affronterete ?

Sicuramente un risultato storico raggiunto dopo piu’ di 40 anni, accompagnato da un grande entusiasmo che riverseremo in un programma che man mano affronteremo e che sara’ di supporto e completezza per i cittadini. Tra le priorità: la lotta alla burocrazia soprattutto per quanto concerne le piccole e medie imprese, il forte rilancio del turismo anche attraverso un dialogo costruttivo con le associazioni di categoria e soprattutto iniziative per la messa in sicurezza del territorio.

I segnali delle ultime elezioni hanno riaffermato con maggiore forza la necessità di tornare ad occuparsi veramente dei problemi concreti dei cittadini e dei territori, la scelta degli elettori di Cesenatico è figlia anche del lavoro svolto dai banchi della opposizione che in questi anni hanno coltivato l’alternativa, su cosa vi siete maggiormente concentrati ?

Tra le priorità infatti come dicevo prima c’è sicuramente la salvaguardia e la tutela del cittadino e del suo territorio. In questi anni l’opposizione ha portato avanti diverse iniziative condivisibili o meno e in questo momento, fatto anche di difficoltà, penso che la soluzione migliore sia quella di continuare con l’opposizione stessa un lavoro di unità, cosa che stiamo già facendo per alcune tematiche vedi la questione ospedale e relativa trasparenza di società partecipate, vedi anche lo sviluppo urbano di Cesenatico stesso e vedi il maggior coinvolgimento di piccoli/medi imprenditori o artigiani.

Quali i programmi di rilancio della città un tempo meta di un turismo di qualità, come ritornare agli antichi fasti?

Si il turismo è la nostra punta di diamante e per ritornare agli antichi fasti è necessario un rilancio strutturale e promozionale dello stesso.
Per intenderci: strutturale attraverso la riqualificazione ed il rinnovamento delle vecchie strutture alberghiere con incentivi e agevolazioni per gli albergatori stessi; promozionale attraverso il dialogo e la collaborazione tra gli attori principali e piu’ attivi del settore ma anche attraverso l’uso di nuove tecnologie.

Difficile apportare cambiamenti e fare le cose senza la concreta disponibilità da parte di Provincia e Regione Governo, cosa si aspetta in questo senso ?

Mi aspetto un percorso non proprio tortuoso ed ostico anche perché una sorta di dialogo con le amministrazioni locali, e poi con la Provincia e la Regione lo abbiamo già instaurato.
L’incontro proprio con il Presidente della Provincia è stato costruttivo e propositivo e continueremo su questa linea anche per avere gli incontri con altri interlocutori del Governo su Roma e con la Regione.

La vicina Bellaria Igea Marina ha già da tempo ” strappato ” alla sinistra il governo della città e il sindaco Ceccarelli sta facendo bene anche se prendere in mano l’eredità, spesso con scarsa collaborazione dal vecchio staff, non è facile, da voi a parte il furto dei pc contenenti documenti ecc. cose che rallentano e creano confusione, quali tempi vi date per partire davvero ?

Con Ceccarelli ci sentiremo prossimamente per lavorare insieme e per fare sicuramente “ bene”.

Quali secondo lei i progetti comuni che si potrebbero attuare con Bellaria, consolidando ancor di più la differente veduta e l’approccio a i problemi rispetto alla sinistra e dando segnali concreti dTFMF x03zawjas2llvrryagpb1nid 5e21e506 a04e 4582 afac cbb5e1e52e7d 0   Selectedi quello che significa fare squadra, andando oltre al mero interesse di campanile che in Italia spesso rimane un intralcio agli scopi più alti delle cose da fare ?
Fare squadra e mettersi in rete è fondamentale lo ribadisco soprattutto per l’ambito turistico che ci riguarda particolarmente. Una collaborazione insieme anche con Bellaria sarebbe una delle chiavi per aprire e spalancare ancor di piu’ un settore che da sempre ci compete e per il quale siamo riconosciuti a livello internazionale, in questo concetto la sicurezza del territorio risulta fondamentale ed è da fare insieme.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *