intervista a Marzio Maionchi Imprenditore

//   29 aprile 2020   // 0 Commenti

foto-marzio-4x2

foto marzio 2x2 233x300foto marzio col premier inglese 270x300Intervista a Marzio Maionchi imprenditore

Presentiamo agli attenti lettori di Mondoliberonline il noto imprenditore toscano del settore ncc che ha la responsabilita’ di oltre 70 dipendenti e una azienda che condivide col socio Sig Matteo Batacchi vecchio lupo di mare nel settore, perche’ vera voce dell’Italia che produce, lavora e genera posti di lavoro, mentre al contrario ha uno Stato contro che ogni giorno che Dio manda in terra gli crea problemi su problemi.

Come vive il dramma di oggi?

Come persona il dramma del Covit-19 lo sto vivendo in modi molto differenti, mi spiego:

come uomo mi sento impotente, anche perché non sono né medico né virologo e quindi totalmente fuori dal settore. Anche se ovviamente tutta l’umanità si sta documentando sull’argomento, ma anche tra gli scienziati stessi mi pare esserci molte opinioni discordanti..

Come padre di una ragazza di 17 anni il compito è davvero arduo perché cercare di spiegare un qualcosa che nei 50 anni di vita da me vissuta mai ho passato diventa davvero complicato spiegare. Per fortuna che mia figlia non è più una bambina e le notizie le apprende già con una sua indipendenza..

Come imprenditore questa situazione diventa terribilmente ancora più complicata: l’Azienda (Drivers&Co) che il mio socio Matteo ed io abbiamo tirato su in poco meno di 24 mesi ha avuto fortunatamente un discreto successo nel nostro settore e ci ha permesso di avvalerci di numerosi collaboratori che purtroppo adesso, con questo dramma, abbiamo costretto a lasciarli senza lavoro..completamente abbandonati da questo Governo che ancora ad oggi, dopo più di un mese e mezzo, non ha pagato la cassa integrazione. Da parte nostra essendo un’ Azienda giovane le risorse economiche per il sostentamento dei nostri lavoratori sono limitate e non potremo resistere a lungo anticipando un po’ lo stipendio.

Un accenno alla Sua attivita?

Sono 26 anni che lavoro nel settore ncc, prima come dipendente di un paio di importanti Aziende, ora come titolare. Ho conosciuto Matteo, il mio socio, durante un servizio tre anni fa circa, ci siamo ‘innamorati’ professionalmente ovviamente, ed abbiamo deciso di far nascere la Drivers&Co. Io con la mia esperienza nel settore, Matteo con il suo innato senso manageriale, siamo due persone molto differenti, ma ci completiamo a vicenda.

Una Sua idea sullo Stato?

Lo Stato a più di un mese e mezzo dal lockdown, è pressoché inesistente, a mio modo di vedere, con i cittadini:

Non sono stati pagati l’elemosina di 600€ a tutti gli aventi diritto, ossia le partite IVA.

Le persone in cassa integrazione, ad oggi, non sanno ‘di che morte dovranno morire’.

Le Aziende, a parte le nuove regole di distanziamento sociale e mascherine, potranno ‘avvalersi’ udite udite di prestiti..!!..Ma i prestiti siamo capaci tutti di farli autonomamente..

Il Governo avrebbe dovuto sì chiudere tutto per tre settimane, ma al contempo avrebbe dovuto studiare e garantire a tutti la sopravvivenza economica, annullando le tasse (non sospendendo!) e cercando di elargire soldi a fondo PERDUTO alle Aziende. Invece questo Governo oltre non avere le idee chiare su nulla (vedi i continui decreti ‘vomitati’ tutti i giorni..) non solo non aiuta, ma la sensazione è che non vede l’ora di passare alla fase 2 per elevare sanzioni a tutte le Aziende che magari non osserveranno alla lettera le nuove direttive di sicurezza sanitaria. Dall’ altra parte che lo Stato abbia bisogno di soldi lo si capisce benissimo facendo multe a raffica a tutte le persone che magari facevano soltanto jogging…

PS: lo spiegamento di Forze dell’ ordine nei confronti di tutti i cittadini in questa tragica occasione il suo lato positivo lo ha svelato: da ora in poi, vedendo la potenza di fuoco che abbiamo in Italia, sono sicuro che non sarà più vita facile per spacciatori, violentatori e delinquenti, che verranno sicuramente catturati subito con l’aiuto di droni e telecamere che hanno fatto scendere in campo per il Covid-19.

Il futuro come lo vede?

Organizzeremo l’Azienda, nel possibile, secondo le direttive del Governo. È sottinteso che se i costi e le sanzioni saranno insostenibili, i nostri dipendenti dovranno trovarsi un’ altra occupazione…


Tags:

covid 19

drivers&co

lockdown

marzio maionchi

matteo batacchi


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *