Infoltimento capelli: cosa fare e come agire contro la calvizie

//   9 marzo 2017   // 0 Commenti

capelli-sani-e-lucenti

capelli sani e lucenti 300x170In una società dove l’apparire ha la sua valenza, la cura della propria immagine è una forma di attenzione da dedicare al proprio corpo. La diffusione quasi esponenziale di centri di bellezza e palestre, sta a testimoniare quante attenzioni siano dedicate al proprio aspetto fisico. Anche il settore dei prodotti di bellezza – una volta di  esclusivo utilizzo femminile – ha visto una costante crescita di fatturato a significare che anche gli uomini  tengono in particolar modo a voler apparire più belli e curati nell’estetica.
Ma se lo stare attenti al fisico è quasi una personale scelta consapevole che si matura con una giusta alimentazione, esercizio fisico e qualche attenzione al proprio corpo grazie a creme ed unguenti, non tutto dipende dalla propria volontà.
E’ la calvizie uno di quei problemi che riguarda maggiormente il sesso maschile (ma anche quello femminile accusa il fatto di esserne colpito seppur in minor misura) che non è dipendente da nessuna volontà ma che si ricollega ad una serie di motivazioni che la vanno ad originare e delle quali non si ha alcuna colpa.
Anche se in questo nostro presente rasarsi i capelli esibendo un cranio lucido ed abbronzato, è un modo per seguire la moda, non toglie il fatto che mostrare una folta capigliatura da acconciare secondo le proprie preferenze è certamente preferibile.
Ma se il problema calvizie è quasi un problema che accomuna una buona percentuale di uomini, diviene un vero e proprio dramma quando ad esserne colpite sono le rappresentanti dell’altra metà del cielo. Gli eventuali rimedi posticci come toupè, extension, parrucche mostrano tutti i limiti del caso e anziché risolvere il problema, paradossalmente lo vanno ad evidenziare in maggior misura.
Ma è davvero tutto perduto oppure si può fare qualcosa per rimediare a questo problema?

Conoscere le cause del diradamento dei capelli e della loro caduta

Provvedere a riequilibrare quanto perduto attraverso un sicuro infoltimento capelli si rivela una soluzione alla portata di tutti che risolve ogni problema legato alle calvizie.

Il primo passo da fare è quello di determinare le cause del diradamento dei capelli che, sicuramente, è connesso alla loro caduta. I capelli, fisiologicamente parlando, cadono in modo naturale ogni giorno in una quantità che si limita a circa un centinaio. E’ un processo naturale che contraddistingue la loro esistenza che vede crescita, caduta e ricrescita per una ventina di volte durante tutta la vita.  Quando la caduta dei capelli è maggiore rispetto alla loro ricrescita questo è un segnale da tenere in debito conto perché è anomalo. A volte, questa anomalia è legata ad un periodo di stress o ad una alimentazione errata ma se il fenomeno ha effetto continuativo, è bene recarsi in un centro tricologico per accertarne le cause.

Negli uomini la caduta può manifestarsi con la tipica stempiatura mentre nelle donne la caduta può interessare qualsiasi parte del cuoio capelluto creando l’effetto diradamento. La perdita di capelli può coinvolgere anche persone giovani di età, arrivando ad essere anche l’origine di una depressione.  La caduta definitiva e progressiva perdita del follicolo è chiamata Telogen Effluvium ed è irreversibile e tra le possibili cause ci sono l’alopecia androgenetica quando è ereditaria; alopecia seborroica se causata dall’eccesso di sebo sul cuoio capelluto; alopecia da tricotillomania, quando causata da strappi e trazioni derivanti dall’abitudine di tirare i capelli in modo compulsivo.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *