Incidenti stradali a Roma, più controlli per buche e cartellonistica

//   24 gennaio 2012   // 0 Commenti

buche1 300x150“Vorremmo che Roma fosse Capitale anche nel garantire la sicurezza delle strade!” E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), riferendosi ai numerosi incidenti stradali che, sempre più spesso, avvengono a Roma a causa del dissesto delle strade e della cartellonistica abusiva: “Solo una settimana fa una ragazza ha perso la vita per colpa della segnaletica, che avrebbe dovuto essere posta lì anche per la sua sicurezza -ricorda Dona- senza contare le continue segnalazioni di pedoni, automobilisti e soprattutto conducenti di moto e scooter vittime ogni giorno di buche, strade sconnesse, macchie d’olio e tombini rialzati”.

Secondo l’avvocato Fabrizio Fagioli, legale dell’Unione Nazionale Consumatori, “nel caso di trascuratezze nella manutenzione stradale la responsabilità è imputabile all’ente proprietario della strada, vale a dire al Comune, mentre nel caso dei cartelloni stradali killer siamo di fronte ad una vera e propria giungla di deroghe al Codice della Strada, impianti abusivi e controlli negligenti”.

“Chiediamo dunque all’amministrazione comunale e al Governo che intervengano -conclude l’avv. Fagioli- affinché siano sanzionate e radiate le aziende che hanno invaso le città con impianti abusivi e che gli stessi siano immediatamente rimossi a spese delle ditte installatrici. In attesa di un piano regolatore, è poi fondamentale che i Comuni controllino che siano rispettate le regole e il Codice della Strada e siano denunciate negligenze ed irregolarità”.

Coloro che volessero segnalarci il proprio caso possono mandare un’e-mail alla casella di posta elettronica consulenza@consumatori.it, inserendo nell’oggetto “Cartelloni stradali, Comune di Roma”.

di Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *