Inaugurato il Piano Nobile della Residenza Paolo VI

//   14 ottobre 2011   // 0 Commenti

terrazza paolo VI

terrazza paolo VI1Dalla terrazza panoramica la vista toglie il respiro. Oltre la vetrata scorrevole che precede la terrazza, perfettamente curata e addobbata di fiori, piante, sculture, fontane marmoree e luci, che in particolare la sera si accendono regalando un’atmosfera incantata, sventola la bandiera dello Stato della Citta’ del Vaticano. Ma e’ oltre ancora che lo sguardo si perde. La vista frontale e’ tutta sulla Basilica di San Pietro che domina la Citta’ Eterna.

In quella che e’ l’attrazione assoluta della Residenza, alcuni si sentono alle porte del cielo, grazie alla vista spettacolare sul Colonnato Berniniano di Piazza San Pietro e sul Palazzo Apostolico, sovrastati dall’enorme cupola di Michelangelo. E di certo tutto fa tornare alla mente, quanto riportato sui tanti manuali di storia dell’arte, che furono i pontefici a pensare ad una vera e propria “restauratio urbis Romae”.

room junior

E’ questo che fa della Residenza Paolo VI il fiore all’occhiello: il nuovo Piano Nobile. Infatti la  Residenza Paolo VI ha aperto questa nuova, elegante ed esclusiva struttura  ricettiva alle porte di San Pietro ed a pochi passi dal centro storico  della Città Eterna. Il nuovo concetto di ospitalità del Piano Nobile prevede una  combinazione di raffinatezza e modernità, preservando il silenzio e  l’atmosfera originale del luogo.

La sua struttura dispone di sei luminose ed eleganti stanze dotate dei  migliori servizi e fornite di tutti i comfort necessari. Gli interni  sono stati curati nel minimo dettaglio ed ogni stanza è stata  impreziosita sapientemente con oggetti pregiati ed originali ispirati  dall’arte dei grandi maestri del Rinascimento italiano. Il Piano Nobile offre ai suoi clienti un ambiente unico, dove la bellezza, il comfort  e la riservatezza si combinano con le più moderne tecnologie,  riservando una calorosa e piacevole accoglienza che difficilmente si  può trovare a Roma a ridosso del Vaticano e a pochi passi dal centro storico di Roma capitale. Prima di accedere alle nuove sei camere si trova nell’ingresso il business center che la Residenza mette a disposizione del cliente per qualsiasi tipo di urgenza e richiesta. Subito dopo si accede a un corridoio con a sinistra due capitelli in stile corinzio e al centro una immagine del grande Giovanni Paolo II e ancora verso destra il proseguimento del corridoio con al centro la Fontana del Tritone seguita da un terzo capitello riflesso su uno specchio di comparabile bellezza e grandezza nei suoi fregi dorati.

ristorante

E’ il busto di Paolo VI che da’ il benvenuto al Piano Nobile. Innanzi si presenta un corridoio elegantemente raffinato con sei finestre dalle mantovane con ricami purpurei inframmezzati da decorazioni giallo oro, sotto queste delle bow-window sulle quali e’ possibile sedersi per riposarsi e ammirare il Palazzo del Santo Uffizio e la via che porta in Vaticano e sullo sfondo le guardie svizzere. E ancora specchi lavorati per infondere quel senso di spazio e di luce. E il candore di questi va ad accogliere quello giallo oro delle cornici delle specchiere presenti nelle sei nuove room del Piano Nobile che conferiscono l’unicita’ di ognuna.

entrata

Per rafforzare quello che e’ il richiamo all’arte rinascimentale che caratterizza il Piano Nobile sulla porta di queste il soggiornante viene accolto da un artista del Rinascimento che tanto ha lasciato per le strade piu’ antiche di Roma. Su ogni porta, infatti, c’e’ una placca dorata con inciso il nome di Bramante, Michelangelo, Raffaello, Bernini, Maderno e infine Borromini. Tutte e sei le stanze si affacciano sullo splendido e fiorito chiostro interno dei padri agostiniani. Ognuna di queste room presenta un arredamento curato nei minimi dettagli dalla biancheria raffinata alle stampe che riproducono i monumenti e le opere degli artisti che hanno arricchito la Citta’ Eterna. Al frigo-bar ricavato in piccoli armadietti sotto le finestre che tutto lasciano pensare fuorche’ abbia questa funzione, lo sguardo si posa, poi, sui lumi in cristallo di murano e sull’ oggettistica in porcellana di Bassano disposte sul tavolo studio antico dal quale si estrae una tastiera da pc da utilizzare con lo schermo al plasma di ultima generazione, pensato per coloro che non rinunciano alla tecnologia. Passando per il disimpegno, che precede la toilette, caratterizzata da una stampa del noto maestro amante dei vasi, candelabri, cippi, sarcofagi, tripodi, lucerne ed ornamenti antichi Giovan Battista Piranesi si arrivano ad ammirare le splendide decorazioni in stucco sulle pareti e la porcellana Ginori delle toilettes.

Un primo particolare che distingue l’entrata delle due suites Raffaello e Michelangelo, sono i fregi in stucco raffiguranti un motivo floreale stilizzato. La particolarita’ effettiva, poi, delle due room e’ data dal fatto che siano comunicanti tra loro e che possono trasformarsi appunto in due ambienti distinti, uno di relax e l’altro di ospitalita’ e di lavoro. Insomma si tratta di un ambiente culturalmente significativo, accogliente e sobrio anche nel dosaggio dei colori pastello del verde smeraldo e del giallo oro che arredano l’ambiente circostante.

terrazza di notte

In toto la Residenza Paolo VI dispone al terzo piano di 29 camere da letto con una calda atmosfera e un servizio amichevole, essenziali nel loro stile e arredate in modo confortevole, con doccia, tv satellitare, telefono con linea diretta, minibar, cassaforte, wi-fi internet free, asciugacapelli e naturalmente aria condizionata e di queste alcune si affacciano su via del Santo Uffizio e altre sul complesso agostiniano. Le stesse insieme alle sei nuove stanze del Piano Nobile, che si trova al secondo piano, complessivamente offrono 35 room di notevole pregio e ognuna unica nei suoi particolari.

Situata a Piazza San Pietro a ridosso del Gianicolo, la Residenza Paolo VI e’ stata inaugurata soltanto all’inizio dell’Anno Santo 2000. Il “genius loci” e l’incanto della tradizione rimangono vivi nelle sue antiche mura e, insieme, fanno di questa struttura il rifugio privato a Roma, lontano dal caos e allo stesso tempo situato nel cuore della Citta’ Eterna. La Residenza e’ una realta’ ricettiva per i pellegrini alla sede di San Pietro in occasione delle grandi festivita’ e delle ricorrenze religiose ma anche per tutti quei cultori dell’arte che ricercano la spiritualita’ del luogo. A due passi dalla Residenza Paolo VI la Necropoli Vaticana con le sue incomparabili bellezze con i Mausolei del Docente, degli Ebuzi, degli Egizi e dei Matucci restaurati dalla “Fondazione Pro musica e Arte Sacra”.

 


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *