Inarrestabile Google!

//   2 agosto 2011   // 0 Commenti

googleGoogle ne ha sempre una. Big G ha pensato di accontentare anche quegli utenti stufi dei tempi standard di attesa per il caricamento delle pagine web. Il nuovo servizio, ancora in fase di test, si chiama PSS (acronimo per Page Speed Service), e a breve consentirà di ottimizzare, previa registrazione telematica dei dati personali del proprio sito, i caricamenti delle pagine internet. Controindicazioni? Pare non ce ne siano. Trasferendo il codice sorgente su uno dei suoi server (creando quindi una copia della pagina), ma permettendo al proprietario del sito di continuare ad editarne i dati, Google manterrà i contenuti inalterati, garantendo semplicemente un caricamento più rapido con una quota percentuale compresa tra il 25 ed il 60 – a seconda dei contenuti. Potranno usufruirne anche i meno esperti, perché il Page Speed Service, essendo completamente automatizzato, non richiederà particolari conoscenze tecniche per essere applicato. “Non dovrete più preoccuparvi di concatenare i fogli CSS, comprimere le immagini, gestire la cache, zippare le risorse ο effettuare altre nοte pratiche per migliorare le performance”, sarà tutto automatico e “silenzioso” ha dichiarato Google.

L’unico inghippo? Per le tasche di proprietari e gestori di siti che vorranno fruire di questo servizio: pare che il PSS abbia un costo di attivazione e di mantenimento in base alla quantità di dati veicolata dal proprio sito. Per invogliare i futuri utenti intanto Google predisporrà la possibilità di creare una pagina di prova. Restiamo in attesa!


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *