In Toscana a Lucignano Inaugurato il nuovo stabilimento SVI- 15 milioni investiti e 120 posti di lavoro

//   3 ottobre 2016   // 0 Commenti

svi1Una data importante quella del 1 ottobre 2016 per tutta la Val di Chiana e in particolare per il comune di Lucignano, un giorno nel quale si è inaugurato il nuovo e moderno stabilimento Svi, la società che realizza materiale ferroviario fondata nel 1999 da Ivano Sambuchi e Mauro Vannoni a Città di Castello, la scelta dell’area Fossatone a Lucignano è stata fatta anche per usufruire della moderna linea ferroviaria Sinalunga / Arezzo. Oggi sono occupate 84 persone che saliranno in breve a 120 unità, un investimento di oltre 15 milioni, investire oggi in Italia cifre di questa entità significa non solo credere nel proprio lavoro ma anche in un sistema Paese che spesso disincentiva gli imprenditori a passi così importanti. Svi ha trovato però nelle istituzioni locali, nella provincia e nella regione quella attenzione che è difficile trovare, presenti tutte le autorità che hanno seguito l’evoluzione del progetto iniziando dall ‘ ex sindaco di Lucignano che fece approvare i progetti Maurizio Seri oggi presidente di Lfi, l’attuale sindaco della perla della Val di Chiana Roberta Casini, il parlamentare Marco Donati, il Presidente della Camera di Commercio Andrea sereni, l’assessore ai trasporti della Regione Toscana Vincenzo Ceccarelli e la Vice Presidente del Consiglio regionale Lucia De Robertis. Le parole dell’assessore che ha anni di esperienza e che si è sempre distinto per essere un bravo amministratore ma soprattutto uomo operativo e pragmatico “ La regione Toscana è felice di aver collaborato a rendere più semplice l’insediamento sul territorio di una attività produttiva italiana in sviluppo, pronta a crescere e a fare nuove assunzioni. Conosco bene l’importanza del lavoro svolto da Svi, dato che l’ammodernamento dell’infrastruttura sono fondamentali per un corretto funzionamento del sistema ferroviario. La Toscana crede profondamente sia nelle produzioni di qualità sia nel trasporto ferroviario e per questo è per me una doppia soddisfazione essere qui oggi”. Un esempio questo di come far politica attiva possa dare vita a risposte concrete per quello che il problema oggi dell’ Italia, occupazione e rilancio dell’economia, come tutti sempre dichiarano i posti di lavoro non si creano dal nulla ma dalla capacità di imprenditori e politici seri è possibile, segniamo questa data del 1 ottobre 2016 come un nuovo possibile inizio.
avi 2


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *