Il “Salone del Mobile” e “Fuorisalone” 2018, con…Tiffany “Animal academicum”!

//   20 aprile 2018   // 0 Commenti

1-annibale-colombo-copyright-masha-siragoreportersassociatiarchivi

2 Masha Meissen 300x224

Masha Sirago, scrittrice e artista designer

Dalla Milano Art Week alla Milano Design Week il salto è veramente breve, in termini di date. Ecco alcune mete da me tracciate per la Settimana del Salone del Mobile, sia alla Fiera di Rho- Pero che per il “Fuorisalone”, in lungo e in largo per Milano, che come da tradizione diventa palcoscenico per entrare in ambienti immersivi, per scoprire luoghi nuovi che si spalmano nei meandri più disparati, fino a toccare con mano una creatività emergente, ibrida ed internazionale, ma anche a volte, oserei dire, veramente superflua. Leggi anche: “Milano Art Week” con…Tiffany “Animal academicum”! : http://www.mondoliberonline.it/milano-art-week-contiffany-animal-academicum/76361/

3 Ghianda Ok 300x224

Bottegaghianda

E’ l’evento più atteso dell’anno quello della Milano Design Week, e dal 17 al 22 aprile 2018 Milano esperti del settore provenienti da tutto il mondo inondano ogni via dei quartieri preposti e predisposti al Design. Con le piccole grandi opere formato francobollo  di Tiffany “Animal academicum” by Masha Sirago, veri e propri gioielli di arte anche da indossare, e nella sua estrema eleganza concettuale si affaccia il nuovo brand “Il Collarino” di Tiffany Animal academicum by Masha Sirago esprimono nel suo concept la cultura,l’arte, il design e la moda, per portare la bellezza del messaggio intrinseco e profondo del rapporto ancestrale “cane-padrone”. I gioielli-francobollo di Tiffany “Animal academicum” by Masha Sirago sono in dialogo continuo con le opere dei grandi artisti rinascimentali del passato, attraverso le immagini self-made realizzate aspassocolcane@libero.it e in compagnia di Stendhal nei luoghi di cultura e museali. La Mostra Tiffany “Animal academicum” by Masha Sirago presso lo Spazio Filatelia Milano (13.12.2016-31.01.2017) documenta il percorso del “cane che fa Cultura” da 13 anni a questa parte, entrando nella storia della Filatelia delle Poste Italiane con Annullo Filatelico nella data 13.12.2016, leggi anche Tiffany “Animal academicum” by Masha Sirago: come raccontare grandi storie in un piccolo spazio, anche a Milanofil 2018!: http://www.mondoliberonline.it/tiffany-animal-academicum-by-masha-sirago-come-raccontare-grandi-storie-in-un-piccolo-spazio-anche-a-milanofil-2018/76105/ . Soprannominata il “Can…ravaggio del Terzo Millennio dal Prof. Claudio Strinati, storico dell’arte, la cagnolina maltese Tiffany è la protagonista assoluta degli aforismi fotografici di Masha Sirago. Ma cosa vuole dire “in silenzio e senza abbaiare”? Si comprende meglio nel video “Lettera del Prof. Claudio Strinati a Masha Sirago” (clicca video 1’02″ © copyright Masha Sirago): https://www.youtube.com/watch?v=vdlm-99Zd8I e Intervista a Claudio Strinati: dalla Soprintendenza al Polo Museale di Roma a Caravaggio e…a Tiffany il “Can…ravaggio” del Terzo Millenniohttp://www.mondoliberonline.it/intervista-a-claudio-strinati-dalla-soprintendenza-al-polo-museale-di-roma-a-caravaggio-e-a-tiffany-il-canravaggio-del-terzo-millennio/71900/

8 Slide 300x224

Lampade “Ali Babà” di Gio’ Colonna Romano da "Slide"

Triennale Design Museum, il primo museo del design italiano, è stato inaugurato in Triennale nel dicembre 2007. Un museo “mutante”, che ogni anno, per 10 anni, ha cambiato ordinamento e allestimento per offrire di volta in volta risposte diverse alla medesima domanda di fondo: che cos’è il design italiano? La mostra  “Storie. Il Design Italiano”  ( dal 14 aprile 2018 al 20 gennaio 2019) nell’undicesima edizione del Triennale Design Museum racconta la storia del design italiano attraverso una pluralità di storie, che concorrono a definirne la complessa natura. Una selezione di 180 opere per la maggior parte provenienti dalla Collezione Permanente del Triennale Design Museum, realizzate tra il 1902 e il 1998 e individuate come le più rappresentative del design italiano per il loro portato di innovazione tecnico-formale, per l’estetica, per la sperimentazione, per la riconoscibilità e il successo di pubblico. Tale selezione vuole introdurre la problematica di quali debbano essere i pezzi imprescindibili esposti in un Museo del Design e di cosa possa essere considerato una “icona” .

13 come oggetto avanzato 1 300x224

“Storie. Il Design Italiano” in mostra alla Triennale

Per la prima volta un vero yacht in città –precisamente di 21 metri -  posizionato davanti alla Triennale – per raccontare la magia del navigare e la filiera della bellezza che arricchisce di design, innovazione e tecnologia ogni creazione del brand di “Azimut Yachts” (www.azimutyachts.com). La fantasia e a volte la perversione dei designers prossimamente arriverà anche a pensare di portare il mare a Milano? Io resto sulla terraferma e “coi piedi per terra” e mi soffermo semplicemente qui nell’articolo a riportarne uno da me scritto sulla manifestazione dello scorso settembre a Montecarlo, dedicata ai Superyachts. Leggi “Superyachts da tutto il mondo al Monaco Yacht Show 2017“: http://www.mondoliberonline.it/superyachts-da-tutto-il-mondo-al-monaco-yacht-show-2017/72976/

7 Carlo Moretti 300x224

Trasparenze di Carlo Moretti da "Roberta&basta"

Sempre in Triennale, “Le Architetture”, la prima mostra dedicata esclusivamente ad opere architettoniche di Alessandro e Francesco Mendini e il loro Atelier, in occasione di quasi 50 anni di collaborazione con Abet Laminati. 26 plastici, vere e proprie “sculture architettoniche” realizzate appositamente per la mostra a rappresentare un saggio significativo della internazionalità del loro lavoro, 13 disegni e due video raccontano questa avventura, unica nel panorama internazionale. (Dal 12 aprile al 6 maggio 2018, www.triennale.org ).

11 Le Sfere di Gino Sarfatti 300x224

Le Sfere di Gino Sarfatti

“Promemoria”, realtà manifatturiera italiana, celebra 30 anni di attività proprio quest’anno con la prima partecipazione al Salone Internazionale del Mobile di Milano a Rho-Pero. “Un salto di crescita per aumentare il valore di Promemoria” mi racconta Paolo Sozzi a proposito della loro prima volta al Salone del Mobile. All’interno dello stand in fiera, così come nello showroom monomarca in via Bagutta 13 a Milano, viene presentata durante l’intera settimana la collezione “Indigo Tales”, tra cui la madia “Laos”, la libreria “Cora” e il divano “Pullman” designed by Romeo Sozzi e  nuove proposte di arredi, complementi e illuminazione.

Nel 2015 Promemoria di Romeo Sozzi ha acquisito “Bottega Ghianda” (www.bottegaghianda.com), brand di alta ebanisteria specializzato nella manifattura di oggetti e arredi in legno massello. Ecco “On-on-One on One” di Naoto Fukasawa, “Enigme à tics” di Jean Nouvel, “Alfred” di Michele de Lucchi; “Tor-Ule” di Tobia Scarpa; “Flying bridge” e “Frisbee” di Mario Bellini, presso Palazzo di Brera mentre la collezione storica è in esposizione presso Bottega Ghianda in via Formentini 9. Leggi anche “Romeo Sozzi & Promemoria – La manifattura dei sogni”: http://www.mondoliberonline.it/romeo-sozzi-promemoria-la-manifattura-dei-sogni/62739/ – La collezione “Night Tales” di Promemoria per la Milano Design Week 2016: http://www.mondoliberonline.it/la-collezione-night-tales-di-promemoria-per-la-milano-design-week-2016/62748/ e Terza edizione della manifestazione MonteNapoleone Yacht Club nello Showroom Promemoria- Romeo Sozzi: http://www.mondoliberonline.it/terza-edizione-della-manifestazione-montenapoleone-yacht-club-nello-showroom-promemoria-romeo-sozzi/70832/

10 Tiffany Masha e Raffaello © copyright Masha SiragoReportersAssociatiArchivi 300x283

Tiffany “Animal academicum” versione Raffaello, opera d’arte versione francobollo by Masha Sirago e accanto Raffaello, l”Angelo della perduta pala di San Nicola di Tolentino, prima opera documentata del pittore.

L’azienda realizzava mobili d’arte per la borghesia milanese del primo Ottocento” mi racconta  Luciano Colombo e  dei suoi esordi negli anni ’60 nell’azienda di famiglia “Annibale Colombo” davanti al “Mettitutto” disegnato da Stefano Boeri, un contenitore rotante con scaffalatura aperta sui due lati, esposto nel suo stand a Rho-Fiera.

“Dalla vivacità degli anni 70 con Sottssass che faceva da nonno al  gruppo Memphis ci siamo spostati verso il 2020, a un design freddo-nordico e dedicato troppo al lusso sfrenato” mi racconta il grande fotografo di moda e amico di Tiffany “Animal academicum” Gianni Pezzani (Leggi anche All’asta Finarte a Milano i “viraggi” di GianniPezzani: http://www.mondoliberonline.it/allasta-finarte-a-milano-i-viraggi-di-gianni-pezzani/58542/.; clicca anche “Gianni Pezzani (2’19 © copyright Masha Sirago) a Mia Photo Fair 2016: https://www.youtube.com/watch?v=3fGzENFAOH8 e Gianni Pezzani about Tiffany (4’37″ video © copyright Masha Sirago: https://www.youtube.com/watch?v=LWjlWD0dgac)

6 Overlay Bowel di Patricia Urquiola 300x224

"Overlay bowel" di Patricia Urquiola per Louis Vuitton

Esposti oltre tre secoli della produzione di porcellana di Meissen nella mostra “L’arte di essere fragile” al Museo Poldi Pezzoli. Fino al 14 maggio, porcellane d’epoca, opere d’arte, nuovi design ed eleganti servizi da tavola della più antica manifattura di porcellana europea, fondata nel 1708, dialogano con gli spazi del Museo e la sua collezione permanente. Tra le opere esposte anche quelle dell’artista americana Chris Antemann, nota per le sue moderne interpretazioni delle figurine di porcellana del Settecento. (www.museopoldipezzoli.it)

5 Yachting 300x145

"Azimut" yacht

A Palazzo Bocconi in corso Venezia, tra “Object Nomades” di Luis Vuitton ecco “Overlay Bowl” di Patricia Urquiola e “Spiral lamp” di Atelier Oi. Esposta presso La Permanente la collezione per la casa 2018-2019 di Hermès, tra cui “Périmètre”, quattro vasi in porcellana che evocano un foglio di carte piegato e pinzato. “Fendi Casa” in via Montenapoleone 3 presenta la nuova collezione di arredi contemporanei ed eclettici firmata da Thierry Lemaire. Atelier Swarowski presso Palazzo Serbelloni in corso Venezia espone anche  lampadari di Tord Boontje e Marian van Aubel,  in una serra con caffè di ispirazione austriaca realizzata per l’occasione (www.atelierswarovski.com) . Le lampade “Ali Babà” di Gio’ Colonna Romano  e “Cucun” di Lorenza Bozzoli per lo showroom “Slide”,  esposizione della collezione 2018 disegnata da Sebastian Bergne, Lorenza Bozzoli, Paola Navone, Roberto Paoli, Martinelli&Venezia, presso lo Showroom “Slide” in Foro Buonaparte, 57 (www.slidedesign.it).

4 1Meissen table come oggetto avanzato 1 300x146

Masha Sirago, scrittrice e porcellane Meissen

Numerosi gli eventi “Fuorisalone”. Si continua con le trasparenze di Carlo Moretti esposte presso lo Showroom di Roberta&basta, in via Fiori Chiari 3, nel 60esimo anniversario (www.carlomoretti.com )  e “On Life- Millenials at Home”, la mostra-installazione nata da un’idea di Elle Decor Italia e aperta dal 16 al 29 aprile a Milano a Palazzo Bovara (corso Venezia 51) a tema: le generazioni più giovani e il loro rapporto con l’abitare. Lo Studio Marco Piva firma il Design Concept del percorso espositivo “The Secret Colors of Milan” per Marie Claire Maison, il mensile del gruppo Hearst Italia diretto da Cinzia Felicetti. Obiettivo della mostra è raccontare, attraverso il tema dominante del colore, la sensibilità tutta italiana nei confronti degli spazi, dei materiali, dei dettagli. The Secret Colors of Milan è un’installazione visiva e materica, che ha nella sua intenzione quella di voler coinvolgere il visitatore in un viaggio alla scoperta di inediti “Still Life” (dal 16 al 22 aprile).

A Palazzo “Litta” per “The Litta Variations/4th movement” ecco  il “Tempietto nel Bosco”, installazione in leggno dello studio di progettazione londinese Asif  Khan, pensata appositamente per il cortile del Palazzo  e caratterizzata da una  forte proiezione ascendente che interpreta l’elemento naturale del bosco e nel contempo l’architettura di una cattedrale a cielo aperto che  attraverso una matrice di stanze e corridoi conduce a un luogo di pace dove rilassarsi e conversare durante le intense giornate della Milano Design Week. A Palazzo Litta anche “Le Sfere di Gino Sarfatti , i vasi “Cocentrics” by Ron Arad, la collezione Heritage di Limonta Italian Wall Couture,

9 Masha Rossini e Poggi copyright MS 300x227

Masha Sirago, scrittrice ed Ennio Poggi, compositore alla mostra “Gioachino Rossini al Teatro alla Scala”

Per presentare la mostra “Henri Matisse sulla scena dell’arte” a luglio al Forte di Bard in Valle d’Aosta (www.fortedibard.it ),  è stato proposto un allestimento con la riproduzione di opere di proprietà del Kunstmuseum Pablo Picasso di Munster presso Nicola Quadri Studio, visibile solo nel periodo del “Fuorisalone”.

Per gli amanti della musica e del Belcanto italiano, inaugurata la mostra dal titolo “Gioachino Rossini al Teatro alla Scala” (Museo del Teatro alla Scala, dal 17 aprile al 30 settembre), un omaggio al compositore marchigiano a 150 anni dalla morte. Per l’occasione l’intero museo diventa percorso espositivo nell’allestimento curato da Luigi Pizzi che ripercorre oltre 100 opere. Ai ritratti e cimeli che fanno parte della mostra permanente del teatro si aggiungono elementi come il manoscritto del Tancredi e testimonianze degli allestimenti storici della Scala: da quelli dello scenografo ottocentesco Alessandro Sanquirico a quelli di Pizzi, Luca Ronconi e Jean-Pierre Ponnelle di cui viene ricostruita in Scala la scenografia dell’Italiana in Algeri fino alla Gazza Ladra, dello scorso aprile, con la regia di Gabriele Salvatores.

Tra un evento e l’altro, ho con me in borsa il libro unico sul “cammino di “Tiffany ”Animal academicum” nel mondo, realizzato “su misura” da “Ripensarte”, visibile e leggibile solo in presenza del suo autore e cagnolina ispiratrice, clicca su “I libri su misura di “Ripensarte”: http://www.mondoliberonline.it/i-libri-su-misura-di-ripensarte/76281/  . Mi accompagna nel cuore la musica del Maestro Ennio Poggi che sta portando a termine la composizione al pianoforte de “La Strada”, mia poesia scritta nel 2006.

Masha Sirago, ph © copyright Masha Sirago/ReportersAssociati&Archivi, mashasirago@gmail.com – wwww.mashasirago.com


Tags:

arredamento

arredamento d'interni

design

designers

Fuorisalone

Masha Sirago

Milano Design Week

mobile

Promemoria

Salone del Mobile

Salone del Mobile 2018

Tiffany Animal academicum

Triennale


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *