Il “Requiem” di Cherubini in Auditorium con laVerdi diretta da Roberto Polastri

//   23 maggio 2018   // 0 Commenti

1-polastri-come-oggetto-avanzato-1

In Auditorium a Milano giovedì 24 (ore 20.30), venerdì 25 (ore 20.00) e domenica 27 (ore 16.00) maggio, una nuova e inedita proposta,  il Requiem in Do minore di Luigi Cherubini, accostato al Prologo da Mefistofele di Arrigo Boito.

Sul palco di largo Mahler, insieme all’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, per l’occasione diretta dal milanese Roberto Polastri (classe 1957), il Coro Sinfonico e il Coro di Voci Bianche de laVerdi, rispettivamente diretti da Erina Gambarini e Maria Teresa Tramontin. Ruolo solista, il basso Federico Sacchi.

Il Requiem in Do minore per coro misto e orchestra è stata composta da Luigi Cherubini nel 1816 a Parigi ed eseguita per la prima volta nella cattedrale di Saint-Denis il 21 gennaio 1817, per ricordare il ventiquattresimo anniversario della morte per decapitazione del re Luigi XVI.

Mefistofele è un’opera in quattro atti, un prologo e un epilogo, scritta e composta da Arrigo Boito ispirandosi al Faust di Goethe.La prima rappresentazione avvenne a Milano, al Teatro alla Scala, il 5 marzo 1868, direttore lo stesso Boito, ma si risolse in un fiasco clamoroso, a causa forse, oltre che dell’eccessiva lunghezza dell’opera, del contenuto fortemente ideologico di alcuni episodi, poi soppressi.

Giovedì 14, sempre in Auditorium (Foyer della balconata, ore 18.00, ingresso libero), la tradizionale conferenza di introduzione all’ascolto,   dal titolo: “Respiro del divino e dell’umano. Il Coro nella musica sacra e profana”, relatori Mario Mainino, Matteo Marni, Sofia Ratti. Nel Requiem trova uno dei suoi culmini la poetica di Cherubini come culto della bellezza assoluta, al cui neoclassicismo non è estranea la drammaticità emotiva. Il Prologo al Mefistofele contiene il nucleo tematico e intellettuale dell’ardita sfida di Mefistofele al Signore, che Boito rappresentò nella sua opera più ambiziosa e fortunata. Due composizioni grandiose, in entrambe le quali protagonista assoluto è il coro.

Per altre info: www.laverdi.org

Leggi anche: La bacchetta di Polastri tra “Amleto” e “Don Chisciotte” in Auditorium a Milano: http://www.mondoliberonline.it/la-bacchetta-di-polastri-tra-amleto-e-don-chisciotte-in-auditorium-a-milano/63009/ – All’Auditorium di Milano la bacchetta di Roberto Polastri dirige laVerdi e il pianoforte di Ivan Martin: http://www.mondoliberonline.it/allauditorium-di-milano-la-bacchetta-di-roberto-polastri-dirige-laverdi-e-il-pianoforte-di-ivan-martin/51031/

Masha Sirago, ph © copyright Masha Sirago/ReportersAssociati&Archivi, mashasirago@gmail.com – www.mashasirago.com


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *