Il Re degli Open d’Australia: Djokovic

//   30 gennaio 2012   // 0 Commenti

djokovic australia 300x204Novak Djokovic è nato a Belgrado nel 1987 da genitori ristoratori e ‘figlio d’arte’ nel mondo dello sport grazie agli eccellenti risultati di suo padre da sciatore professionista. E’ proprio questo ragazzo divenuto altissimo a centrare l’ennesimo sigillo, gli Open d’Australia 2012, battendo Rafael Nadal nella più lunga finale nella storia di tutti gli slam, 5 ore e 53 minuti. Il record precedente era rappresentato dalle 4 ore e 27′ che sono servite allo svedese Mats Wilander per battere, nella finale del 1988, l’australiano Pat Cash. Il risultato che consolida Djokovic alla testa del ranking mondiale è di 5/7, 6/4, 6/2, 6/7, 7/5 che si conferma la ‘bestia nera’ di Nadal poiché, negli ultimi sette incontri, lo ha sempre battuto. Il risultato appena raggiunto a Melbourne conferma, al giovane Novak, il terzo trionfo personale sugli importanti campi australiani del serbo allenato da Marian Vajda. Novak Djokovic ha dimostrato una maturità impressionante mantenendo la concentrazione e un tennis più completo rispetto a quello di Rafael Nadal che, comunque, ha combattuto e creduto fino alla fine del match praticando un tennis di altissimo livello. Il match è stato estremamente avvincente anche perché il serbo ha perso il primo match con il punteggio di 7/5 reagendo da vero numero uno al mondo. Dopo aver vinto il secondo e terzo set, Djorkovic ha ceduto il quarto set allo spagnolo concentrandosi sul quinto e decisivo set dove si sono incrociati infiniti games con le relative palle break. Il game finale viene vinto da Novak con servizio e dritto che chiude i giochi oltre alle speranze di Nadal. Meraviglioso è stato anche il pubblico che ha seguito, trattenendo il respiro, tutto il match fino a notte inoltrata, respirando e applaudendo solo quando i due grandissimi tennisti concedevano qualche break tra i violenti scambi. Il cammino verso la finale di Djokovic è, ovviamente, di tutto rispetto avendo eliminato al quarto turno il forte australiano, e beniamino di casa, Lleyton Hewitt, ai quarti di finale, invece, ha battuto David Ferrer (numero 5 del mondo) per poi battere in semifinale Andy Murray, dopo 4 ore e 50 minuti, con il punteggio di 6/3, 3/6, 6/7, 6/1, 7/5. Interessante è sottolineare che Djokovic è il quinto giocatore a conquistare consecutivamente tre titoli dello Slam, prima di lui in ordine cronologico: Rod Layer, Pete Sampras, Roger Federer e Rafael Nadal. La bella bielorussa Victoria Azarenka, invece, ha vinto la finale contro la russa Maria Sharapova imponendosi con il punteggio ‘secco’ di 6/3 6/0. Grazie alla vittoria nella finale, la Azarenka è la prima bielorussa a vincere un titolo dello Slam ed è anche diventata la numero uno al mondo scalzando la danese Caroline Wozniaki. Una parentesi italiana è d’obbligo, gli Open d’Australia rimarranno nella storia anche per le prestazioni delle nostre tenniste ed in particolare per Sara Errani che ha raggiunto i quarti di finale dimostrando capacità tecniche e di crescita raggiungendo, grazie anche a questo prestigioso piazzamento, il 34° posto del ranking Wta. La Errani, in doppio con Roberta Vinci, ha raggiunto la finale del torneo confermando che il tennis in Italia è in continuo sviluppo.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *