Il Presidente Fabiani all’attacco!

//   30 aprile 2020   // 0 Commenti

foto-fabiani-ok

intervista al Presidente Stefano Fabiani dell’Associazione Emergenza Debiti,e fondatore dell’Ufficio Emergenza Debiti

Il DECRETO-LEGGE 8 aprile 2020, n. 23, è risolutivo per le piccole e medie imprese?

GLI EFFETTI DI QUESTO DECRETO SONO CATASTROFICI, NESSUN PROVVEDIMENTO E’ STATO A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. NESSUN DEBITO FISCALE E’ STATO ABBONATO, TUTTI I VERSAMENTI SONO STATI SOLO POSTICIPATI, INOLTRE I DANNI SUBITI DALLE IMPRESE NON VERRANNO RISARCITI, NEANCHE L’ APPROVAZIONE DI UN PRESTITO CHE DOVREBBE ESSERE GARANTITO DALLO STATO, VIENE DELIBERATA CON FACILITA’, ANZI I CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE BANCHE NON SONO CAMBIATI, HO PAURA CHE NESSUNO E’ IN GRADO O VUOLE AIUTARE LE IMPRESE ITALIANE.

In questo modo  il governo che garanzie dà?

NESSUNA GARANZIA DA PARTE DEL GOVERNO, NON RIESCONO AD EROGARE NEANCHE LE 600,00 EURO PROMESSE, SINCERAMENTE NON VEDO UN FUTURO SERENO PER LE IMPRESE E PER I LAVORATORI.

In una sua ultima intervista ha proposto di fare richiesta per i sussidi per covid-19 tramite autocertificazione, pensa che questa sia la soluzione più pratica e risolutiva in questo momento?

SAREBBE LA SOLUZIONE MIGLIORE DATO CHE TUTTE LE IMPRESE EMETTONO FATTURA ELETTRONICA, QUINDI SI HANNO ABBASTANZA NOTIZIE PER EROGARE PRESTITI CON AUTOCERTIFICAZIONE.

PENSO SIA VERGOGNOSO AVER DECISO DI CONCEDERE DEI PRESTITI, CON CRITERI DI VALUTAZIONE STANDARD E CON DURATE MASSIME DI 6 ANNI, QUESTO NON PERMETTE A TUTTE LE AZIENDE DI OTTENERE IL PRESTITO E NON PERMETTE DI OTTENERE IMPORTI ELEVATI.

CON IL PIANO DI AMMORTAMENTO DI 6 ANNI LA RATA RISULTA ALTA, MENTRE CON IL PIANO DI AMMORTAMENTO DI 120 MESI L’ IMPRESA POTREBBE OTTENERE UN PRESTITO PIU’ ALTO, QUESTO SAREBBE UN AIUTO CONCRETO ALLE AZIENDE.

Che prospettive nella fase 2?

LA MAGGIOR PARTE DELLE IMPRESE NON RIAPRIRANNO, MOLTI CHIUDERANNO L’ AZIENDA PER RIAPRIRE CON UN NUOVO NOME, CI SARANNO TANTI INSOLUTI, DI OGNI GENERE, I DEBITI FISCALI AUMENTERANNO, NON VEDO UN BEL FUTURO SE NON SI TROVANO RISORSE DA INVESTIRE NELL’ ECONOMIA ITALIANA.

Cosa fare per i tanti italiani che si guadagnano il pane quotidiano per se e per la famiglia, giorno per giorno, magari vendendo sui banchetti a Napoli i fazzolettini e le sigarette di contrabbando?

PER UNO STATO AVERE PERSONE COSTRETTE A VIVERE DI CONTRABBANDO NON PUO’ ESSERE CHE UNA SCONFITTA, SCONFITTA PER LE REGOLE FISCALI ANTIQUATE E NON ADATTE AL NOSTRO PERIODO STORICO, SERVE MENO BUROCRAZIA, QUESTO GENEREREBBE NUOVI POSTI DI LAVORO E NUOVE FIGURE PROFESSIONALI.

Lei Dr Fabiani che come Presidente Associazione Emergenza Debiti conosce la disperazione delle famiglie, non trova insolito che il Governo proponga la regolarizzazione degli immigrati sul suolo italiano anziche’ aprire la possibilita’ del lavoro a chi prende gia’ il contestato “reddito di cittadinanza”?

DOBBIAMO ANCHE PENSARE CHE NON TUTTI COLORO CHE PERCEPISCONO IL  REDDITO DI CITTADINANZA SONO IN GRADO DI SVOLGERE DETERMINATI LAVORI, LE FACCIO UN ESEMPIO:  TRA COLORO CHE PERCEPISCONO IL REDDITO DI CITTADINANZA SARANNO POCHI IDONEI A LAVORARE NEI CAMPI O IN FONDERIA.

DOBBIAMO CAPIRE QUANTI LAVORATORI REALI DISOCCUPATI ABBIAMO NEL NOSTRO PAESE PER PROGRAMMARE UN PIANO DI IMMIGRAZIONE, COMUNQUE AVERE BISOGNO DI IMMIGRATI NON SIGNIFICA FARLI ARRIVARE COME CLANDESTINI, POSSIAMO COLLABORARE CON LE AMBASCIATE E RICHIEDERE PERSONALE QUALIFICATO PER LE NOSTRE IMPRESE, QUESTO SAREBBE UN PROGRAMMA SVILUPPATO CON DEI CRITERI EFFICACI.

Quali sono le sue suggestioni per il nostro Governo?

FARE MENO POLITICA E DIMOSTRARE DI AMARE LA NOSTRA TERRA, I NOSTRI VALORI, LE NOSTRE AZIENDE E SOPRATTUTTO PENSARE AI VERI PROBLEMI DEL POPOLO, GARANTENDO SOLUZIONI EFFICACI IMMEDIATE.


Tags:

associazione emergenza debiti

covid 19

debiti

decreto legge 8 aprile 2020

finanziamento

Governo

stefano fabiani

ufficio emergenza debiti


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *