Il Presidente del Senato Geoana espulso dal PSD

//   23 novembre 2011   // 0 Commenti

geoana

Un vero è proprio terremoto politico ha scosso il maggiore partito di opposizione in Romania. Dopo una lunga querelle durata alcune settimane l’ufficio politico permanente del partito social democratico ha deciso con una maggioranza “bulgara” l’espulsione di Mircea Geoana, attuale Presidente del Senato romeno e figura di primo piano della politica nazionale.

La decisione è stata presa in conseguenza del rifiuto di Geoana di dimettersi dalla carica di Presidente del Senato. Il risultato della votazione interna è stato di 50 voti a favore dell’espulsione, 5 contrari e 3 astenuti.

Difficile immaginare quali saranno le ricadute politiche di questa scelta se, come sembra, Geoana decidesse di dar vita ad un nuovo soggetto politico o se decidesse di aderire ad un partito , si parla di un possibile ingresso nell’UNPR che oggi appoggia il Governo in carica.

Nelle prossime settimane si potranno inoltre avere le prime conferme dai sondaggi sulle intenzioni di voto che nelle ultime settimane hanno visto crollare l’alleanza di centro sinistra dell’USL da oltre il 60% a poco più del 45%.

Altro argomento delicato sarà la convivenza dello stesso Geoana nell’aula del Senato con i suoi ex collegi di partito. Probabilmente assisteremo ad una estenuante guerra che non gioverà il percorso parlamentare delle leggi in corso di approvazione. Ancora da decifrare sarà l’atteggiamento di Geoana e del gruppo di parlamentari a lui vicini nel caso l’USL voglia procedere nella richiesta di sospensione dalle sue funzioni del Presidente Basescu, dopo che quest’ultimo si era espresso pubblicamente contro l’aumento delle pensioni e dei salari del pubblico impiego. Ad oggi per rendere efficace la richiesta di referendum sulla possibile sospensione di Basescu sono necessari ancora 18 voti ma se Geoana ed i suoi decidessero di non appoggiare tale richiesta, la strada per Antonescu e Ponta sarà sicuramente molto più difficile.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *