Tempi moderni

//   27 novembre 2014   // 0 Commenti

Immagine 261Teatro concerto a quadri contemporanei
testi di Adriano Iurissevich, Nicolò Polesello, Enrico Brion, Roberto Tessari
canzoni di Adriano Iurissevich
con Adriano Iurissevich, voce e chitarra
Enrico Brion, pianoforte

Un monologante che alterna brevi testi a canzoni, un pianista che lo segue nelle sue evoluzioni. Tempi moderni è un melodramma, quando non una tragedia, ma più spesso un’opera buffa. È un affresco di quotidianità complesse, contorte e a volte ridicole. È un romanzo, di quella realtà sfuggente che ci avvolge e ci determina, un romanzo a capitoli: il nulla, l’identità, i social, la politica, l’amore, il mercato, alzarsi al mattino… Tempi moderni è il titolo di un memorabile film di Charlie Chaplin ed è riferimento ideale di questa pièce, cantata e recitata, e come lo smile di Charlot, alla fine si raccomanda un sorriso come terapia politica.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *