Il Consiglio Provinciale di Padova riunito in stazione

//   2 settembre 2011   // 0 Commenti

Decise e chiare le parole con cui Barbara Degani, Presidente della Provincia di Padova, ha esordito alla tavola rotonda tenutasi ieri sera, giovedì 1 settembre, nel piazzale della stazione della città del Santo: “Io e la presidente Serato abbiamo sperimentato in maniera diretta cosa vuol dire arrivare la sera in stazione e i rischi che i cittadini corrono. Ogni giorno passano da qui 13.600 pendolari tra lavoratori e studenti e 73mila turisti all’anno arrivano in stazione. Questo è il nostro biglietto da visita e la Provincia non accetta l’accusa di non aver fatto nulla in tema di sicurezza. Siamo sempre stati presenti e abbiamo speso molto. Solo per l’area della Sita abbiamo investito 6 milioni di euro per risanare la zona e ora ci impegniamo a stanziare 200mila euro per lo sviluppo della telesorveglianza”.

consiglio straordianrioOltre all’impegno di approfondire il tema della sicurezza investendo su controlli ad opera delle forze dell’ordine e della videosorveglianza, la Degani unitamente alla Presidente del Consiglio Provinciale Luisa Serato, ha presentato una mozione per il trasferimento della Questura di Padova in un’altra zona, capace di accogliere le esigenze dei cittadini e “maggiormente rispondente alle crescenti necessità della città e del territorio”. La location rimane tuttora un’incognita, ma la promotrice Degani si dice certa del successo di questo progetto, realizzabile grazie ai proventi derivanti da vendita o affitto dell’attuale sede della Questura, in piazzetta Palatucci.

Grandi assenti “all’evento mediatico” in diretta su Antenna 3, il Sindaco di Padova, Flavio Zanonato, e il pubblico, ovvero il popolo padovano protagonista della realtà cittadina. A questo vuoto “popolare” però ha fatto da contraltare la presenza dei vertici delle forze dell’ordine patavine: il prefetto Ennio Mario Sodano, il nuovo questore Vincenzo Montemagno, il comandante provinciale dei Carabinieri Renato Chicoli e quello della Guardia di finanza Ivano Maccani.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *