P.D.A, nato per rendere più semplice la vita delle imprese

//   13 febbraio 2012   // 0 Commenti

fabrizio frosio 300x200Il Presidente Fabrizio Frosio: “Il nostro progetto va ben al di là della destra e della sinistra, per trovare soluzioni pratiche ai problemi” . Questo l’intendimento di un gruppo di imprenditori italiani di tutte le regioni sintetizzato dal loro Presidente.

Imprenditori e non politici intenti a rendere più facile la vita delle imprese, quanto a burocrazie, tasse, certificazioni e lavoro. E se si associano anche i collaboratori delle aziende nasce la sinergia del lavoro inteso come bene primario delle famiglie.

Nel documento dei valori e del programma disponibile nel sito ufficiale del nuovo Partito vi sono i richiami alla tradizione cristiana, all’Unità d’Italia, pur nelle sue differenze ed un preciso riferimento al Tricolore.
Si leggono vari punti che delineano il progetto politico tra cui: “L’imprenditorialità e la capacità del singolo non deve essere penalizzata dalla burocrazia, perseguendo l’esempio di Stati europei come la Germania dove la crescita è agevolata da poche e rapide certificazioni”. E ancora: ”Pressione fiscale equiparata ai servizi goduti ed agli standard europei”.

In una lettera del Presidente Frosio, presente nel sito del Partito delle Aziende si legge: “Le piccole e medie imprese sono stanche di alimentare con i propri sacrifici una macchina già ferma da tempo che non porta più a spasso nessuno, bisogna che qualcuno da questa macchina scenda e cominci a pensare di ritornare a guadagnarsi la pagnotta. Si è parlato tanto di tagli a tutti i livelli, ma i veri tagli, quelli allo spreco e alla sovrapposizione delle competenze, sono ancora lontani dall’essere valutati”.
La lettera offre molti altri spunti di riflessione che meritano di essere riportati come, per esempio, questa frase: “Vogliamo che l’agricoltura sia il perno dello sviluppo riprendendo l’amore per la terra che era insito nei nostri padri, non sminuirla parlandone come affari di mozzarelle”.
Nel sito ufficiale è presente inoltre una completa visione della nuova formazione politica, intenzionati a percorrere la propria strada da soli, stanchi della finta divisione tra destra e sinistra, che non ha mai portato a niente di concreto.

Intendiamo farci strada nell’agone politico, in modo silenzioso e moderato, come si contraddistingue ad un imprenditore, con la voglia di far capire a tutte le famiglie, che la Politica deve avere come scopo primario la tutela del cittadino, anche nella garanzia di un lavoro certo e sicuro, cosa che solo delle aziende sane, incentivate ed anche aiutate nei periodi di crisi, possono realizzare .

Grande sensibilizzazione verso i Media per i continui suicidi da parte degli imprenditori di tutta Italia che soffrono come un fallimento personale e non accettabile la difficile situazione economica delle proprie aziende e non tollerando l’impossibilità di garantire uno stipendio ai propri dipendenti, non trovano altra via d’uscita, se non quella del suicidio.

Il Presidente Frosio dichiara che questo non si può più classificare come un problema politico, oppure economico, bensì Sociale, quando a subirne le conseguenze sono le famiglie e la società. Nessuna pietà per i grandi evasori inesistenti per il fisco, ma massima tolleranza verso chi ha la volontà di pagare e si trova nell’impossibilità di farlo, per cause create da una situazione globale, che a sua volta non dipende dalla produzione reale ma dalla finanza di carta.

Lotta democratica contro quegli apparati statali, che invece di aiutare e rendere fluida la situazione opprimono le aziende e le rendono incapaci di agire sui mercati e soprattutto lotta contro le banche che non hanno mai dato ciò che hanno ricevuto invece dalle nostre aziende , incuranti di essere loro stesse la causa di questo disastro economico, politico e sociale , che i paesi europei stessi stanno vivendo.

Il partito delle Aziende si fa portavoce di tutti i lavoratori autonomi, ditte a gestione familiare, piccole e medie aziende del Sud, del Centro e del Nord che nonostante ciò che ci vogliano far credere, hanno gli stessi medesimi problemi e le stesse difficoltà nell’ affrontare un mercato del lavoro cambiato nelle dimensioni e nelle strutture, ma invariato nei cavilli e nelle restrizioni che lo Stato impone, rendendo la flessibilità, la competizione, la concorrenza una partita già persa poiché le regole degli altri Paesi non sono le stesse.

Grande sarà il progetto se il P.D.A. riuscirà ad unire gli imprenditori del Nord e gli imprenditori del Sud, per fare un grande cantiere Nazionale, che possa far ripartire un Paese oramai fermo ed avere quella coerenza e quella visione di un Paese ricco di cultura e turismo, che aspetta solo di essere valorizzato.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *