Silverstone, doppietta e fuga mondiale per Checa

//   1 agosto 2011   // 0 Commenti

carlos checa silverstone 2011

Una nuova vittoria di Carlos Checa e della Ducati, una moto perfetta nelle mani di un pilota che vuole vincere davvero qualcosa, in sella alla Ducati il miglior equilibrio uomo macchina, meglio di Biaggi e Aprilia o Melandri e Yamaha , gli unici, oltre a qualche new entry come Laverty o l’indomabile Haga, a provare a contrastare questo binomio. Le Yamaha seconda e terza in entrambe le manche, segno che Melandri e Laverty hanno uno strumento efficace nelle mani, velocità di punta compresa ed una guidabilità che si avvicina alla favolosa Ducati. Biaggi arranca a Silverstone dove i cavalli che tutti dicono abbia in pancia l’Aprilia.. non si vedono.. non ci sembra che la casa di Noale svernici nè Ducati nè Yamaha che in velocità di punta non sono dietro a nessuno. Sembra che i giochi siano fatti stante la classifica ma la sfortuna e i recuperi degli avversari sono sempre in agguato per il candidato Checa.
Quella in Inghilterra è stata la vittoria n° 300 della Ducati il che la dice lunga sul palmares della casa di Borgopanigale dove i bicilindrici hanno fatto scuola e menato “legnate” agli avversari giapponesi, ma la sfida vera è fra tecnologie italiane quella più sofisticata di Aprilia e quella più classica della maneggevolezza e della utilizzabilità da parte del manico dell’epoca, la Ducati. I grandi Troy Bayliss e Carl Fogarty hanno segnato record su record e per quanto manici fuoriclasse, nulla avrebbero potuto senza l’arma rossa emiliana, quella che quest’anno con un pilota motivato preciso e di grande scuola ha vinto dappertutto, possono fare la differenza. Le gomme poi che secondo Biaggi “le Pirelli sono performanti al top soprattutto su Ducati e i 2 decimi al giro ci sono”, ma i distacchi parlano a volte diversamente caro Max, e il manico conta ancora, lo dimostra Melandri che sembrava un paracarro con la Ducati in MotoGp (quella che fa dannare Valentino ma che era vincente nelle mani di Stoner..), il campione di Forlì è sempre stato forte non si arriva secondi nel mondiale più ambito se non si apre il gas.. ed anche la Yamaha ha fatto progressi e ora l’ex campione 250 può ritirare fuori la grinta e le capacità che nessuno ha mai messo in discussione.
Una Superbike che ancora si deve definire bastano 2 battute d’arresto e il divario si colma, ci aspettano grandi corse dove sul ” non abbiamo niente da perdere ” di Biaggi e Melandri la possibilità di dare il tutto per tutto e sgretolare la sicurezza di Carlos, solo uno ” sbandamento ” psicologico o problemi meccanici posso arrestare la corsa dell’iberico, o uno sforzo tecnico per dare a Max e Marco le armi per conservare il titolo piloti al tricolore.

Classifica mondiale piloti Superbike 2011

CARLOS CHECA DUCATI pt.343
MAX BIAGGI APRILIA pt.281
MARCO MELANDRI YAMAHA pt.272
EUGENE LAVERTY YAMAHA pt.208
LEON HASLAM BMW pt.158
LEON CAMIER APRILIA pt.146
MICHEL FABRIZIO SUZUKI pt.141
AYRTON BADOVINI BMW pt.118
SYLVAIN GUINTOLI DUCATI pt.109
NORIYUKI HAGA APRILIA pt.99


Tags:

carlos checa

marco melandri

max biaggi


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *