Gli ologrammi di Guerre Stellari con Microsoft diventano traduttori

//   31 luglio 2019   // 0 Commenti

ologramma-guerre-stellari

Sulla scorta delle precedenti innovazioni nella qualità delle immagini nella realtà virtuale, descritte nella rivista Optica, Microsoft fa diventare realtà gli ologrammi di Guerre Stellari, dando loro anche capacità di traduttori. Sul palco dell’evento Inspire 2019 che si è svolto nei giorni scorsi a Las Vegas, una riproduzione tridimensionale di Julia White (Corporate Vice President di Azure) si è rivolta ai presenti descrivendo una nuova tecnologia, e anche parlando in giapponese. Lingua che la manager non parla.

L’esperimento è il frutto dell’incontro tra la ‘realtà mista’ del visore HoloLens di seconda generazione e gli algoritmi di intelligenza artificiale gestiti sui server cloud dell’infrastruttura Azure.

La tecnologia degli ologrammi, seppur non in ottima definizione, si sta sviluppando anche nelle app mobile. Per i dispositivi Android, ad esempio, smartphone e tablet, su Google Play Store è possibile trovare tantissime applicazioni per realizzare ologrammi con il telefono. Una delle più apprezzate è Vyomy proiettore Ologramma 3D, un’app con cui si possono riprodurre in maniera tridimensionale i video salvati nella galleria, basta avviare la riproduzione e utilizzare un semplice foglio di plastica. Per iPhone, iPad e iPod Touch iOS, una delle migliori in commercio è Hologramium 3D AR, scaricabile gratuitamente su iTunes App Store, un’app che permette di realizzare illusioni ottiche con dispositivi iOS dotati di un sistema operativo di almeno la versione 10.3 o successive.

ologramma guerre stellari


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *