Gli italiani sempre più “pet friendly”: ad evidenziarlo è l’ultimo rapporto Eurispes

//   31 gennaio 2020   // 0 Commenti

img-20190131-wa0006-o635fpky3rpck200t3xywiz9s5sgm41v6rkpfsywmc

img 20190131 wa0006 o635fpky3rpck200t3xywiz9s5sgm41v6rkpfsywmc

Negli ultimi giorni sono stati resi noti i risultati del rapporto Eurispes 2019, giunto ormai alla 31^ edizione, il quale ha mostrato come il trend di italiani pet friendly sia in aumento.
Il Rapporto Italia 2019 ha fotografato la crescente presenza nella nostra società di coloro che scelgono di vivere vegan: i vegani sono l’1,9% e raddoppiano rispetto allo scorso anno (+1%) e insieme ai vegetariani mantengono stabile la percentuale di chi si orienta verso un’alimentazione sempre più green e dalla parte degli animali (30,1 % per motivi di salute, 24,1% per filosofia di vita, 19,3% per rispetto degli animali), negli gli ultimi 6 anni. Una tendenza supportata anche dalla crescente offerta di prodotti vegani nella grande distribuzione, di opzioni vegan nelle mense, di ristoranti vegetariani e vegani, segno di un’accresciuta domanda, che è anche un’opportunità di sviluppo per le imprese.
Inoltre, è emerso che 1/3 delle famiglie italiane ospiti un animale. Tra quelli che tengono in casa un animale spicca un dato: il 9,2% ne tiene in casa tre, se non addirittura più di tre (il 3,6%). Percentuale simile per chi ne tiene in casa due (il 9,6%). Il 20,7% degli italiani, invece, ne ha solo uno. Non stupirà sapere che la metà di coloro che hanno un animale, tiene in casa un cane (il 48,8%, per la precisione) e uno su tre invece un gatto (il 29,6%). Ma c’è un numero che salta agli occhi: l’1% degli italiani che ha un animale tiene in casa un rettile. Inoltre, è emerso che gli italiani sono generosi nella cura dei propri amici pelosi. Un italiano su dieci spende fino a 200 euro ogni mese, mentre il 4,3% fino a 300 euro e poco più del 2% anche ben più di 300 euro al mese.
Sembrerebbe, quindi, che la società si stia orientando verso una consapevolezza del ruolo che gli animali svolgono per le persone e per l’ambiente.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *