XXI femminile: Dal secolo breve al secolo delle donne. Risposte di genere al futuro dell’umanità

//   20 ottobre 2011   // 0 Commenti

PIO MANZU' GIORNATE

Il Centro Pio Manzù

● Il Centro internazionale di ricerche “Pio Manzù” è un organismo senza finalità di lucro, fondato in Italia nel 1969. Opera in status consultivo generale con le Nazioni Unite.
Quale istituto di studi e analisi dei temi economici, scientifici e sociali, dedica particolare attenzione al rapporto tra lo sviluppo economico, l’Uomo e l’ambiente.
Obiettivo primario del Centro è di elaborare su singole problematiche indagini globali condotte attraverso il contributo di diverse competenze internazionali. Tali indagini vengono commissionate da enti pubblici e privati, e messe a disposizione della comunità.

● Il Centro Pio Manzù è guidato da un Comitato Scientifico presieduto da Mikhail Gorbaciov (presidente) e Giandomenico Picco (vice presidente), già Sottosegretario Generale ONU.
La direzione operativa è svolta dalla Giunta Esecutiva composta da Lorenzo Cagnoni (presidente), Roberto Valducci (vice presidente) e Gerardo Filiberto Dasi (segretario generale).

● Il Centro Pio Manzù è una libera associazione no-profit che opera attraverso il contributo di enti pubblici, aziende private, singoli cittadini che offrono il loro sostegno attraverso contributi e partnership.
Ha sede a Verucchio (Rimini, Regione Emilia Romagna) e si avvale della collaborazione di vari gruppi di studio, collocati in diverse parti del mondo. In particolare, ha organizzato una rete di ricercatori e studiosi che operano, oltre che in Italia, anche a Londra, Darmstadt, Francoforte, Mosca e Boston.

● Da anni il Centro Pio Manzù ha concentrato la sua mission nello studio delle interazioni tra lo sviluppo tecnologico-industriale e le ricadute sull’ambiente umano e sociale. Gli esiti di questi studi sono riportati nelle pubblicazioni della sua collana editoriale, denominata “Strutture Ambientali”.

● Da quarant’anni il Centro Pio Manzù promuove un forum pubblico internazionale sui temi di interesse cruciale per il futuro dell’umanità denominato “Giornate internazionali di studio”, che si svolge annualmente a Rimini nel mese di ottobre. Considerato tra i più qualificati eventi culturali europei, ha ospitato nel corso della sua storia Capi di Stato e di Governo, scienziati, imprenditori, studiosi, accademici di fama internazionale, premi Nobel, personalità di ogni settore sociale, cultura e religione.
Alle Giornate hanno partecipato, nel corso delle varie edizioni, personalità quali:
il Presidente USA George Bush Senior, il Segretario Generale ONU Javier Perez De Cuellar, la Principessa Diana del Galles, la Regina Rania Al Abdullah di Giordania, la First Lady di Siria Asma al Assad, la First Lady del Sud Africa, Graça Machel Mandela, la First Lady del Congo, Antoinette Sassou Nguesso, il Primo Ministro del Giappone Toshiki Kaifu, il Primo Ministro libico Shukri Ghanem, il Presidente del Costa Rica Oscar Arias, il Presidente della Bolivia Evo Morales, la Vice Presidente del Governo spagnolo Maria Teresa Fernandez de La Vega, il Presidente Carlo Azeglio Ciampi, il Segretario Generale OPEC Adnan Shihab-Eldin, il Presidente della Commissione Europea Jacques Delors, il Segretario di Stato USA Henry Kissinger, il Cancelliere Helmut Schmidt, il Nobel per la Pace Muhammad Yunus, l’Alto Rappresentante dell’UE per la politica estera e la sicurezza comune Javier Solana, il fondatore del Worldwatch Institute Lester R. Brown, l’economista americano Jeremy Rifkin, e altre centinaia di personalità illustri provenienti da tutto il mondo.

211

 

 

PROGRAMMA DEFINITIVO

 

52

Venerdì 21 ottobre ore 9,00

Workshop 1

Dalla ‘mater familias’ alla teoria di genere

 

Coordinatrice

Annamaria Barbato Ricci

(Italia) Giornalista e ideatrice del volume “Le Italiane” che raccoglie le biografie di donne che hanno solcato la storia dell’Italia

Quel che verrà dalle rivoluzioni:

Islam, diritti, democrazia

Fethi Benslama

(Tunisia) Direttore di Scienze Cliniche Umane presso l’Università di Parigi “Paris VII – Denis Diderot”, autore di numerosi saggi tra i quali “La Psychanalyse à l’Epreuve de l’Islam”

Per una lettura di genere della storia

Giulia Galeotti

(Italia) Storica, collabora con il Dipartimento di Studi storici dell’Università La Sapienza di Roma, è autrice di vari saggi tra cui “Storia del voto alle donne in Italia”, “In cerca del padre” e “Gender-Genere”.

Morale, moralismo e politica

Linda Lanzillotta

(Italia) Ministro per gli Affari Regionali dal 2006 al 2008, deputato della XVI LegislaturaMembro della Commissione Affari Costituzionali e Segretario della Bicamerale per il Federalismo

Mezzo secolo di fashion e femminilità

Nicoletta Spagnoli

(Italia) Amministratore Delegato della Luisa Spagnoli S.p.A.

 

 

ore 15,00

Workshop 2

Salute, istruzione, empowerment femminile: scenari del nuovo Millennio

 

Presidente

Economia e pari opportunità:

le regole dell’impresa

Laura Frati Gucci

(Italia) Presidente di AIDDA, Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti D’Azienda, e vicepresidente dell’associazione mondiale Femmes Chefs d’Enterprises Mondiale, dal 2008 è componente della Commissione consiliare Pari Opportunità presso il Ministero del Lavoro

L’Agenda dell’uguaglianza: il caso Marocco

Nouzha Skalli

(Marocco) Ministro per lo Sviluppo Sociale, la Famiglia e la Solidarietà

Oltre la violenza, il lungo cammino delle donne afghane

Mary Akrami

(Afghanistan) Cofondatrice e direttore esecutivo dell’ Afghan Women Skills Development Centre (Centro per lo Sviluppo delle Abilità delle Donne Afghane)

Sapere, mobilitazione e solidarietà, armi del riscatto

Jayati Ghosh

(India) Titolare della cattedra di Economia e Presidente del Centro per gli studi economici e la progettazione all’Università di Jawaharlal Nehru, Nuova Delhi, Membro della Commissione Nazionale della Cultura istituita dal Primo Ministro indiano

Le donne, futuro dell’Africa

Rasmata Kabre

(Burkina Faso) Fondatrice dell’Associazione per la Promozione dei Gruppi Femminili (APGF) e Vice Presidente dell’Associazione BPW (Business and Professional Women) Ouagadougou-Burkina Faso

Storie di donne del nostro tempo

Stella Pende

(Italia) Inviata speciale di Mediaset

 

Sabato 22 ottobre

ore 9,00

Workshop 3

Della violenza alle donne: le culture e le ortodossie del disprezzo

 

Coordinatrice

Valeria Palumbo

(Italia) Caporedattore centrale de L’Europeo

La violenza di genere: diffusione e approccio metodologico dei centri antiviolenza italiani

Alessandra Bagnara

(Italia) Presidente di Linea Rosa, nel triennio 2008-2011 ha presieduto l’associazione nazionale “D.i.R.e.- Donne in rete contro la violenza”, che raccoglie 58 centri anti-violenza in Italia

‘Non taceremo mai più’:

l’odissea delle donne migranti

Nusha Yonkova

(Bulgaria) Membro della rete di donne migranti sostenuta dalla European Women’s Lobby, coordina l’attività di anti-traffico umano del Consiglio Nazionale dell’Immigrazione in Irlanda. È la prima donna immigrata eletta nel consiglio d’amministrazione del Consiglio Nazionale delle Donne.

La violenza sulle donne nel XXI secolo: dall’indifferenza alla condanna

Marcello Flores d’Arcais

(Italia) Professore di Storia Comparata all’Università di Siena e Direttore del Master europeo in Diritti Umani e Studi sul Genocidio

L’arma e la ferita

Maria Rita Parsi

(Italia) Psicologa, psicoterapeuta e scrittrice, ha fondato e dirige la SIPA (Scuola Italiana di Psicoanimazione) ed è Presidente della Fondazione Movimento Bambino

Il nuovo Islam femminile che avanza

Souheir Katkhouda

Presidente dell’Associazione Donne Musulmane d’Italia (Amdi), membro del Forum Europeo delle donne islamiche

ore 15

Workshop 4

Oltre l’asimmetria dei ruoli, dal diritto al dovere della leadership

Coordinatore

Luigi Gambarini

(Italia) Presidente di Nuove Idee Nuove Imprese – Provincia di Rimini e Repubblica di San Marino

Perché le donne possono e devono aiutare a governare il mondo

Marie C. Wilson

(Stati Uniti) Fondatrice e presidente di The White House Project, che promuove l’avanzamento delle donne nell’economia, nella politica e nei media

Leadership: istruzioni per l’uso

Annamaria Barbato Ricci

(Italia) Giornalista e ideatrice del volume Le Italiane, insieme con Silvana Mazzocchi, Cinzia Romano ed altre colleghe ha fondato su Facebook il gruppo “Donne ed informazione – Se non ora quando”.

Verde, bianco e rosa: dal fronte della guerra al servizio della pace

Marina Catena

(Italia) Direttore del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite in Francia e Tenente dell’Esercito Italiano

Femminilità, autorevolezza e potere

Evelina Christillin

(Italia) Presidente della Fondazione del Teatro Stabile di Torino, è stata l’organizzatrice delle Olimpiadi invernali di Torino nel 2006

Per una lettura di genere della crisi economica

Fiorella Kostoris

(Italia) Economista, docente all’Università di Roma “La Sapienza” ed editorialista del Sole 24 Ore. È membro del Consiglio direttivo dell’ANVUR, Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca

Domenica 23 ottobre

ore 10,00

Seduta plenaria

Rappresentanti di organismi internazionali e personalità di diversi settori, in seduta plenaria, faranno il punto sulla condizione femminile nel mondo e sul ruolo delle donne nel XXI secolo.

Presenta Maria Concetta Mattei

In concomitanza con la seduta plenaria, dalle ore 10,00 alle ore 11,30 andrà in onda in diretta televisiva su RAIDUE un programma speciale sull’evento a cura di Francesca Nocerino e Stefano Lamorgese, condotto da Francesca Nocerino, con la regia di Adolfo Conti.

Messaggi e saluti istituzionali

Andrea Gnassi

Sindaco di Rimini

Stefano Vitali

Presidente della Provincia di Rimini e Presidente della Giunta Esecutiva del Centro Pio Manzù

Pasquale Salzano

Rapporti Istituzionali Internazionali Vice President, eni

Alessandra Perrazzelli

Responsabile Ufficio International Regulatory and Antitrust Affairs, Intesa Sanpaolo; CEO Intesa Sanpaolo Eurodesk; Presidente Valore D

Gianandrea Polazzi

Consigliere di Amministrazione, Fondazione della Cassa di Risparmio di Rimini

In rappresentanza del Governo italiano

Mara Carfagna

Ministro delle Pari Opportunità

(messaggio video)

La nuova via della Liberia

Ellen Johnson-Sirleaf

Presidente della Liberia

Premiazione

Nel corso della seduta plenaria verranno consegnate dai rappresentanti del Governo italiano e del Centro Pio Manzù le onorificenze del Presidente della Repubblica italiana e del Centro Pio Manzù attribuite dal Comitato scientifico internazionale dell’Istituto alle seguenti personalità che si sono distinte nel campo della cultura e per il loro contributo al progresso civile e sociale:

Ngozi-Okonjo Iweala – Gillo Dorfles –

Maria Bartiromo – Gary Hart – Ken Miller –

Milena Gabanelli – Raffaella Leone –

Enzo Viscusi – Shulamith Koenig –

Giorgio Cantelli Forti

Popolazione di Fukushima - per il coraggio e la dignità dimostrati nel far fronte alle tragiche conseguenze del disastroso terremoto e per la volontà di ricostruire

ore 13,30

Grand Hotel di Rimini

Colazione in onore delle personalità premiate

(solo su invito)


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *