Ghinelli comincia bene la svolta di Arezzo

//   1 luglio 2015   // 0 Commenti

Immagine 88Comincia bene ad Arezzo la stagione di centrodestra del neo sindaco eletto in quel 14 giugno, una domenica elettorale fatidica in Italia al centrosinistra in generale, e specialmente al PD di Renzi, perdenti un po’ in tutta la geografia del voto di ballottaggio, ma soprattutto nel capoluogo toscano. Un Comune antica roccaforte rossa già passato di campo una prima volta, ma con Alessandro Ghinelli  elevato stavolta anche agli onori della ribalta politica nazionale.  Più di quanto avvenne nell’oramai lontano 1999.  Allora Arezzo cedette la prima pagina  alla Bologna di Guazzaloca. Forte di una lista civica seconda in consensi esclusivamente ad un Partito Democratico, ancora a distanza di giorni stordito dalla sonora sconfitta del suo candidato, giovane renziano doc, sostenuto politicamente da una coalizione coesa formata da FI, Lega Nord e Fratelli d’Italia, garantito in Aula da una scorta ottimale di 20 alleati consiglieri, 8 in più dei 12 di un’opposizione in cui il PD conta per 8 e Grillo per 2,    Ghinelli mette in piedi una giunta dalla struttura snella, quanto a numero di assessori, 7, formata da 2 validissimi tecnici nominati dal sindaco stesso e gli altri espressi da lista civica, Forza Italia e Lega, quest’ultima rappresentata nella squadra di governo da Tiziana Nisini. Una donna già di per sé sinonimo della profondità delle scelte operate in fase di formazione dell’esecutivo, al di là della felice soluzione data dal sindaco al rebus legislativo delle quote rosa.  La Nisini è una dirigente di vaglia della Lega ma soprattutto è una non aretina nominata innanzitutto per il suo peso politico specifico, ma chiamata ad Arezzo  anche per la sua “extraterritorialità” senese.  Entra infatti in un nuovo esecutivo comunale al quale la Provincia si appresta a trasferire un bel po’ di deleghe tenendo conto che altrettanto avverrà nei confronti del Comune “cugino, tant’è che i due Enti Locali avranno negli anni a venire una maggiore e più stretta relazione su questioni di primaria rilevanza in seno alla cosiddetta Area Vasta. Quel contenitore in cui l’insieme dei servizi pubblici territoriali trova la sua distribuzione geografica. Corona la formazione della nuova giunta – presentata in tempi fisiologicamente  record, ai primissimi di luglio, in un mercoledì che cinematograficamente passa alla storia per essere un giorno da leoni, per cui è di buon auspicio anche per l’esordio di un governo. Ma a far dire che la nuova stagione di Ghinelli comincia bene non è tanto la struttura di governo (almeno non solo)  quanto la concentrazione del neo sindaco sui tre pilastri del suo programma amministrativo, sicurezza sociale economia cultura, e sulle azioni di cambiamento da compiere al fine di metterlo in atto. Già sfoltita la pianta organica comunale appesantita di dirigenti e di già inquadrata l’emorragia di risorse finanziarie depauperate al Comune da un groviglio di Partecipate, tutte aziende erogatrici di servizi pubblici compartecipate da privati, al rendimento dei capitali dei quali vanno anche quella bellezza di due milioni e mezzo di euro che in un capoluogo di 100mila abitanti è una ricchezza che servirebbe alla comunità, altrimenti soggetta ad un aumento costante delle aliquote di tasse e tributi locali. Per Ghinelli, sindaco di centrodestra ma di matrice fortemente civica, il dato appare per quel che è, un disavanzo esoso, e dato che la sua vittoria sul centrosinistra permetterà un riassetto nella stanza dei bottoni di quasi tutte le Partecipate operanti a livello di Area Vasta, il neo sindaco promette di non lasciarsi sfuggire la preziosa opportunità di ricongegnare l’intero sistema di gestione, a cominciare dal servizio idrico, sul quale Ghinelli, sindaco di centrodestra, si schiera a favore della ripubblicizzazione e annuncia una road map pronta nel giro di un anno per ridare l’acqua in mano al Comune.
Erika Laganà


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *