“Gérard Grisey. Intonare la luce”, nono appuntamento per “Milano Musica” 2016 in Auditorium

//   26 ottobre 2016   // 0 Commenti

foto Orchestra laVerdi-copyright Masha Sirago (2)

Auditorium © copyright Masha SiragoReportersAssociatiArchivi6 300x225Il nono appuntamento di Milano Musica – sabato 29 ottobre, all’Auditorium di Milano (ore 20.30) – è uno sguardo concentrato su tre compositori pressoché coetanei, allievi di Messiaen, che hanno fatto lievitare fermenti nuovi nella realtà musicale francese successiva, e alternativa, a quella dominata dal serialismo e dalla figura di Pierre Boulez. È significativo che nell’estetica, anzi nella poetica di  Hugues Dufourt (1943), di Tristan Murail (1947), e soprattutto di Gérard Grisey (1946-1998) – nome-guida del festival 2016 – ricorrano riferimenti alla natura, all’arte figurativa, a culture e mitologie extraeuropee. Tutti e tre gli autori che, con maggiore o minore convinzione, per più o meno lunghi periodi, sono riferiti alla corrente spettralista, sostituirono se non contrapposero all’astrazione pura dell’analisi postserialista, una ricerca “nel” suono non meno rigorosa, ma accompagnata a uno sguardo aperto verso realtà extramusicali e a un pensiero  “umanistico”.

«Le Lac per diciannove strumenti (2001) – scrive Luigi Manfrin – appartiene al periodo in cui Tristan Murail è docente alla Columbia University di New York. Nella prefazione alla partitura, Murail accenna a fenomeni naturali di luce e di movimento generati in un lago situato presso la sua abitazione e a cui allude il titolo del suo brano. Vi è sotteso anche il riferimento a un altro lago, il Walden Pond nel Massachusetts, famoso rifugio del filosofo e scrittore trascendentalista Thoreau. Con questa composizione, Murail riafferma la sua fascinazione per le risonanze immaginative della natura, quasi sempre presente nei titoli delle sue opere. Murail concepisce un intreccio singolare tra informatica e natura. Le Lac è un brano interamente composto al computer e di cui i suoni di partenza, naturali e non, sono stati analizzati, ri-sintetizzati e ricomposti in notazione strumentale».

In Hugues Dufourt , mettersi in rapporto con opere e autori dell’arte figurativa «si fonda su un gesto creativo di apertura di spazi percettivi, in cui le immagini sonore e visive si richiamano tra loro in uno scambio di relazioni. Gli accostamenti di Dufourt focalizzano i punti problematici del linguaggio musicale odierno, con riferimento agli studi scientifici dell’onda sonora. Dufourt è stato il teorizzatore della “musica spettrale” fondata sulla valenza metaforica del timbro. […] Per Dufourt, però, la metafora va oltre, confrontandosi con le tecniche e le espressioni materiali appartenenti alla storia della fotografia e a pittori come Giorgione, Tiepolo, Rembrandt, Pollock e Hayter. L’Origine du monde, per pianoforte e ensemble (2004), deriva il suo titolo dalla controversa tela di Gustave Courbet del 1866. Questo dipinto, appartenuto a Jacques Lacan e ora esposto al Musée d’Orsay, inquadra il sesso di una donna dal volto assente, come se fuoriuscisse dalla scena. Realizzata con una scrupolosità analitica quasi fotografica, l’immagine attiva nell’osservatore un movimento percettivo paradossale, oscillante tra desiderio, presenza e detrazione». In risposta, «il brano di Dufourt è un concerto in cui il pianoforte è integrato nelle sonorità dell’ensemble, alternandovi solo delle lievi emergenze, e le cui risonanze sono prolungate dalle percussioni. […] Anche  Il tempo è trattato in modo paradossale, svolgendosi ora lentamente, ora rapidamente o, come dice lo stesso Dufourt, “spezzandosi e riallacciandosi senza interrompere il proprio progredire, ora oscillante e ora orientato, capace di distendersi e di ripiegarsi su se stesso”.»

«I Quatre chants puor franchir le seuil (1996-98) sono l’ultima opera di Gérard Grisey, e rappresentano un’intensa meditazione sulla morte. Essi attestano l’interesse del compositore per la voce nelle sue ultime opere. Ampio risalto è dato all’aspetto semantico dei testi, scelti da quattro civiltà diverse – cristiana, egiziana, greca e mesopotamica.»

La composizione, perciò, consiste in quattro movimenti separati da brevi interludi. I sedici esecutori, un soprano e quindici strumentisti, sono a loro volta ripartiti in quattro gruppi di quattro esecutori. Il primo canto, da Les heures à la nuit, è l’unico composto sulla poesia di un contemporaneo, Christian Guez-Ricord, morto prematuramente nel 1988. È una breve epigrafe sulla morte dell’angelo, “la più orrenda” – commenta Grisey – perché comporta “la rinuncia ai nostri sogni”. Una raffigurazione musicale della caducità. Con La Mort de la civilisation, il secondo brano, Grisey ritorna alla rievocazione dell’antico Egitto, già presente in composizioni come Sortie vers la lumière du jour (1978) e Jour, contre-jour (1978/79). Le fonti sono Les Testes des sarcophages égyptiens du Moyen Empire dell’egittologo Paul Barguet, contenente delle formule per accompagnare il trapasso dei defunti. Il soprano canta alcuni frammenti con i loro numeri di catalogo, alternando melodia e declamazione sugli arpeggi isolati dell’arpa e sulle note prolungate degli altri strumenti. Nel terzo canto, La mort de la voix, su due versi dell’antica poetessa greca Erinna, le immagini del vuoto e dell’eco si riflettono nello smistamento del materiale sonoro su due piani: una sovrapposizione di melodie imitanti la voce e due gruppi strumentali che ne rappresentano l’ombra o la risonanza. Le percussioni introducono il quarto movimento, La Mort de l’humanité, dall’Epopea di Gilgamesh. Utnapishtim racconta la furia del diluvio universale, la trasformazione degli uomini in argilla, seguita dal suo sguardo piangente sul mondo ma illuminato dalla speranza. La musica segue il racconto. La conclusione, come une berceuse, dall’andamento altalenante tra tempi binari e ternari, non è – scrive Grisey – “per addormentare ma per destare o per dare speranza”.

mdi ensemble

Ensemble da camera de laVerdi

Emilio Pomarico, direttore

Donatienne Michel-Dansac, soprano

Luca Ieracitano, pianoforte

 

Tristan Murail (1947)

Le Lac (2001,23’)

per ensemble strumentale

 

Hugues Dufourt (1943)

L’Origine du monde (2004,16’)

per pianoforte ed ensemble strumentale

*

Gérard Grisey (1946-1998)

Quatre chants pour franchir le seuil (1998,40’)

per soprano e quindici musicisti

 

Prélude                    D’après Les heures à la nuit de Guez-Ricord

Interlude                  D’après Les sarcophages égyptiens du moyen empire

Interlude                  D’après Erinna

Faux interlude        D’après L’épopée de Gilgamesh

 

Per altre info: www.milanomusica.org

Nota – Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno.

(Foto © copyright Masha Sirago/ReportersAssociati&Archivi, mashasirago@gmail.com)


Tags:

Auditorium

Emilio Pomarico

Gérard Grisey

LaVerdi

Masha Sirago

milano

Milano Musica


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *