Francia, attentato al giornale Charlie Hebdo per vignetta su Maometto

//   2 novembre 2011   // 0 Commenti

attentato charlie hebdoParigi – La vignetta satirica su Maometto costa caro a Charlie Hebdo, settimanale francese colpito stanotte da un attentato doloso. La sede del giornale è stata distrutta da molotov che hanno mandato a fuoco computer e redazione, mentre, visto l’orario dell’attacco (l’una circa), non si sono registrano feriti. L’attacco è avvenuto poche ore prima della pubblicazione del numero dedicato alla Primavera araba ribattezzato per l’occasione “Sharia Hebdo“, con in copertina il profeta Maometto che prometteva “100 frustate se non muori dalle risate“. Una provocazione che fa pensare che l’attacco possa essere opera di fondamentalisti islamici. Anche il sito del giornale è stato hackerato con un messaggio intitolato ‘Per l’Islam’, e la redazione è stato oggetto di insulti, proteste e minacce su Facebook e Twitter.

Charlie Hebdo ormai è abituato a finire nell’occhio del ciclone, come accadde nel 2006 quando pubblicò le vignette “blasfeme” su Maometto del giornale norvegese Jyllands-Posten. In quell’occasione il Consiglio francese del culto musulmano chiese il ritiro delle copie. Ma l’editore non ritiene di voler provocare deliberatamente i musulmani: “Facciamo il nostro solito lavoro, l’unica differenza è che abbiamo Maometto in copertina e questo è abbastanza raro”. Oggi sul giornale uno speciale sulla vittoria del partito islamico in Tunisia e la decisione del governo libico di adottare la sharia con la vignetta ‘incriminata’.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *